10 settembre 2010

Leviathan - Scott Westerfeld

Copertina Edizione italiana


Titolo originale: Leviathan
Titolo italiano: Leviathan
Autore: Scott Westerfeld
Illustrazioni: Keith Thompson
Anno: 2009
Anno di pubblicazione Italiana: 2010
Nazione: U.S.A.
Editore: Einaudi
Genere: Steampunk  
Pubblico: Young Adult
Pagine: 406




-Leviathan è una storia imperniata tanto sui futuri possibili quanto sui passati alternativi. Guarda avanti verso un futuro in cui le macchine somiglieranno a creature viventi, e le creature viventi potranno essere fabbricate come macchine. E tuttavia l'ambientazione del romanzo si rifà anche a un'epoca precedente, in cui il mondo era diviso in aristocratici e gente comune, e in molti Paesi le donne non potevano né arruolarsi nell'esercito né votare. È questa la natura della letteratura steampunk: mescolare futuro e passato.-(S. Westerfeld)


Scott Westerfeld
Autore
Scott Westerfeld vive tra Sydney e New York. Ha scritto una quindicina di romanzi tra fantascienza, steampunk e young adults, di cui alcuni pubblicati anche in Italia, come L'ora segreta — I diari della mezzanotte (Newton Compton 2009), Vampirus (Fazi 2008), Apocalypse Vampirus (Fazi 2009 — uscirà il 30 ottobre) e i primi due volumi della serie Uglies (Brutti e Perfetti, entrambi pubblicati da Mondadori nel 2006 e nel 2007).
Leviathan è considerato un punto di svolta nel suo lavoro.

Trama
L'arciduca Francesco Ferdinando viene assassinato, scatenando il conflitto tra Austria e Serbia che degenererà nella Prima Guerra Mondiale. Svegliato nel cuore della notte in un palazzo di Praga, Alek, figlio dell'arciduca, fugge a bordo di un Camminatore con gli unici alleati che gli sono rimasti, il conte Volger e il Maestro di meccanica Klopp
Alek mentre fugge via a bordo del Camminatore
Nel frattempo, Deryn Sharp, ragazza scozzese con il sogno del volo, si traveste da maschio e fugge da casa per arruolarsi nell'aviazione britannica, muovendo i primi passi in un mondo di lucertole messaggere, irascibili meduse volanti e pipistrelli da guerra. 
Deryn Sharp
Due strade destinate a sovrapporsi, in un'Europa scissa da scelte di civiltà diametralmente opposte: da un lato, i Cigolanti austro-ungarici, con le loro macchine da combattimento meccaniche, dall'altro, i Darwinisti, con i loro animali costruiti in laboratorio, creature vive, frutto di un'evoluzione artificiale. Al centro, punto d'incontro tra chi nutre le proprie macchine da guerra e chi le riempie di carburante, Deryn e Alek, a bordo del Leviathan, un «grande respirante a idrogeno», una maestosa balena dirigibile che tenterà di mutare le sorti della guerra: «Il corpo del Leviathan era stato costruito partendo dai filamenti vitali di una balena, ai quali erano state intrecciate centinaia di altre specie, innumerevoli creature innestate l'una nell'altra come ingranaggi di un cronometro. Intorno all'enorme bestia volavano stormi di uccelli di sintesi: esploratori, difensori e predatori in cerca di cibo. Sulla sua pelle correvano lucertole messaggere e altre creature.
Il Leviathan non era un'unica bestia, ma una vasta rete di forme vitali il cui equilibrio mutava continuamente».

Rivisitazione della Prima Guerra Mondiale in chiave steampunk, Leviathan è «un romanzo di storia alternativa» unico nel suo genere per inventiva e ritmo. Veterano del genere young adult - con quindici romanzi all'attivo, tra cui la fortunata serie fantascientifica Uglies - Scott Westerfeld inaugura con Leviathan una trilogia avvincente e originale, vero punto di svolta nella sua produzione narrativa. Un progetto ambizioso, in cui Alek e Deryn, intrappolati in un meccanismo intricato quanto la carta geografica d'Europa, continueranno a viaggiare sul Leviathan in Behemot, secondo capitolo della saga - in uscita ad ottobre negli Stati Uniti - che li vedrà approdare a Costantinopoli, capitale dell'Impero Ottomano, pronti a cambiare il destino del continente.

Mappa artistica dei confini politici del mondo in Leviathan
Mia opinione
Le prime 50 pagine scoraggiano, le successive lasciano trasparire un po' di speranza e poi, tutto sommato, si rivela un libro gradevole anche se rimane per ragazzi!
Non finisce, è il primo di una trilogia
Il secondo volume sarà ambientato a Costantinopoli, nell’Impero Ottomano, e riprenderà la storia là dove finisce Leviathan.
Molto belle le illustrazioni e la mappa "artistica". 
Mi è piaciuta molto l'ambientazione.
Preferisco Deryn ad Alek, sembra incredibile eppure la fanciulla ha coraggio e arroganza da vendere a differenza del "maschietto" che si rivela un po' "moscio" :) sul finale migliora però. Forse nel secondo tirerà fuori doti nascoste.
Preferisco i Darwinisti ai Cigolanti, cioè gli "animali-macchina" alle semplici macchine;) 
mio gusto personale!
Mi sono innamorata delle lucertoline che portano i messaggi :D
Lo consiglio a chi volesse una lettura leggera ma cmq divertente.


video


1 commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...