25 gennaio 2011

Red Riding Hood - Cappuccetto Rosso Sangue

Locandina Red Riding Hood
Cappuccetto Rosso Sangue
Tranquilli, non è la storia di un Tampax usato!
(Ok! Battutaccia schifosa ma il riferimento non è casuale!)
A marzo esce una rivisitazione molto fantasiosa e parecchio "liberamente ispirata" di Cappuccetto Rosso, la fiaba più improbabile di tutte le fiabe! Non solo. CR è la più maliziosa ;) E anche qui non è un caso!
Speriamo che il titolo in italiano cambi, è davvero brutto!

"Due cenni" sull'antica fiaba popolare poi trascritta sia dai fratelli Grimm che da Perrault mi sembra d'obbligo, anche perchè non è la fiaba "innocente" che ci hanno sempre fatto credere ... eennnò!

Intanto per chi non la conoscesse, da WIKI ecco la sinossi:
Cappuccetto Rosso aveva un mantello rosso ed era una bambina che doveva portare un cestino di bevande e cibo alla nonna ammalata. La mamma le disse di non andare nel bosco e di tenersi sulla strada, ma cappuccetto disubbidì e nel bosco incontrò un lupo cattivo che la distrasse e si fece dire dove abitava la nonna; mentre Cappuccetto Rosso camminava raccogliendo fiori, il lupo andò dalla nonna, entrò in casa e la divorò. Poi si travestì con gli abiti della nonna per aspettare Cappuccetto Rosso e divorare anche lei. Quando la bambina arrivò, il lupo si fece trovare a letto, e riuscì a divorare anche la bambina. Un cacciatore che tornava a casa stanco dal lavoro sentì russare e, conoscendo la nonna, si spaventò. Allora decise di entrare in casa e risolvere la situazione; l'uomo tagliò la pancia della bestia: Cappuccetto Rosso e la nonna ne uscirono sane e salve. Da quel giorno Cappuccetto Rosso decise di ascoltare sempre la mamma e di non disubbidire mai più.
Cappuccetto Rosso nella versione classica...
dove la bimba non distingue il lupo dalla nonna SOLO per una cuffietta da notte O__o
E' anche la prima storia dove si capisce che all'epoca c'era un serio problema di miopia!
Da Wiki si apprendono anche notizie mooolto interessanti sulle origini della fiaba e sulle sue varianti. Infatti, i trascrittori erano "anche adattatori" della fiaba per i tempi in cui vivevano e per il pubblico a cui si rivolgevano. Così, come è accaduto per Biancaneve, Cenerentola e altre fiabe famose, alcune parti del racconto popolare originale di CR e il suo finale sono stati cambiati mutando di conseguenza il messaggio che voleva dare, come vedremo poco più avanti. (Se non nell'essenza, è stato però alleggerito. Almeno questo è quello che ho capito io.)

Una parentesi su Biancaneve, per chi fosse interessato, altrimenti vai oltre l'illustrazione di "Snow White-dark" ;)
Finale alternativo 1: Per molto tempo Biancaneve resta vegliata dai nani finché un giorno non viene notata da un principe che passava di lì. Il principe, vorrebbe portarla nel suo castello, per poterla ammirare ed onorare per tutti i giorni della sua vita. Dopo molte insistenze i nani, impietositi dai sentimenti del giovane, acconsentono alla sua richiesta. Avviene però che uno dei servitori del principe, arrivati per trasportare la bara al castello, inciampi su di una radice sporgente, facendo cadere la bara giù per il fianco della collina. Durante la caduta esce dalla bocca di Biancaneve il boccone di mela avvelenato e così la ragazza si risveglia. Biancaneve s'innamora subito del principe e così vengono organizzate le nozze a cui viene invitata anche la matrigna di Biancaneve. Questa, che non conosceva il nome della sposa, ma era stata avvertita dallo specchio che era più bella di lei, rimane impietrita riconoscendo Biancaneve. Nel frattempo erano state fatte arroventare sulle braci due scarpe di ferro che la strega viene costretta ad indossare. A causa del dolore procuratole dalle calzature incandescenti la strega è costretta a ballare finché cade a terra, morta.

Finale alternativo 2: la matrigna, giunta al castello, rimane stupita. Riavutasi dalla sorpresa tenta di fuggire, ma i presenti chiedono al re di punirla. Così, vestita di cenci e dimenticata, vive a lungo in un carcere oscuro. Solo Biancaneve si reca spesso a darle conforto, poiché i buoni non conoscono l'odio. (Da: "Tutte le fiabe" - Enciclopedia della fantasia - Vol. I - Fratelli Fabbri Ed., 1962) 
"A chi vuoi darla a mangiare 'sta mela? Strega!"
PS: non trovo la fonte originale, il nome dell'autore nemmeno ... 
Io l'ho presa QUI!
Ripresa su CR, sempre da Wiki:
La storia di Cappuccetto Rosso può essere fatta risalire alla tradizione orale di diverse regioni europee. Si sa che la fiaba era narrata già nel XIV secolo in Francia. "La finta nonna" è il titolo di una antica versione italiana della fiaba, in cui Cappuccetto Rosso riesce a sconfiggere il lupo (o meglio un orco femmina in questa versione) basandosi esclusivamente sulla propria astuzia. Alcuni sostengono che questa versione sia più vicina all'originale, e che il personaggio del taglialegna sia stato aggiunto successivamente per suggerire l'idea maschilista che nonna e nipote non potessero salvarsi senza l'aiuto di un uomo.
Buffy: "Io non ho bisogno dell'aiuto di nessun taglialegna!"
In ogni caso, la versione scritta più antica della fiaba è Le Petit Chaperon Rouge, apparsa nella raccolta di fiabe I racconti di Mamma Oca di Charles Perrault nel 1697.
La versione di Perrault è più sinistra di quella successiva (e meglio nota) dei Grimm. In questa versione Cappuccetto Rosso è "una ragazza attraente e di buona famiglia" che finisce mangiata dal lupo insieme alla nonna, senza alcun lieto fine. Al termine del racconto, Perrault fornisce una spiegazione esplicita della morale, dalla quale non è difficile estrarre l'evidente contenuto sessuale:
Charles Perrault
«Da questa storia si impara che i bambini, e specialmente le giovanette carine, cortesi e di buona famiglia, fanno molto male a dare ascolto agli sconosciuti; e non è cosa strana se poi il Lupo ottiene la sua cena. Dico Lupo, perché non tutti i lupi sono della stessa sorta; ce n'è un tipo dall'apparenza encomiabile, che non è rumoroso, né odioso, né arrabbiato, ma mite, servizievole e gentile, che segue le giovani ragazze per strada e fino a casa loro. Guai! a chi non sa che questi lupi gentili sono, fra tali creature, le più pericolose!»
(Le Petit Chaperon Rouge, Charles Perrault, 1697)
"Grazie, Sig. Perrault. Non darò più ascolto agli sconosciuti!"
La versione di Perrault della fiaba, incluse le conclusioni morali, fu raccontata quasi identica da Collodi, nella sua raccolta di fiabe I racconti delle fate.
Nel XIX secolo, due versioni tedesche della fiaba furono raccontate ai fratelli Grimm da Jeanette Hassenpflug (1791–1860) e Marie Hassenpflug (1788–1856). I Grimm trasformarono una delle due versioni nella storia principale, e la seconda in un seguito. La prima, col titolo Rotkäppchen, fu inclusa nella prima edizione della loro raccolta Kinder- und Hausmärchen (1812). In questa versione la ragazza e sua nonna venivano salvate da un cacciatore interessato alla pelle del lupo. Nella seconda storia, Cappuccetto Rosso e sua nonna, grazie all'esperienza acquisita con il primo lupo, riuscivano a catturarne e ucciderne un altro.
I Grimm continuarono a rivedere la storia nelle edizioni successive; quella meglio nota è la revisione finale, del 1857, con il taglialegna che sostituisce il cacciatore.
Cappuccetto Rosso, nelle sue varianti, può essere messa in relazione con altre fiabe e miti analoghi. Il tema delle vittime estratte sane e salve dalla pancia del lupo, in particolare, si trova quasi identico nella fiaba russa Pierino e il lupo, ed è una variante di un'idea almeno antica quanto il Libro di Giona. Un concetto analogo è riproposto in Pinocchio, dove il burattino di legno trova il padre Geppetto nella pancia del pescecane.
McFarlane's Monsters
Una Cappuccetto Rosso poco impaurita ^_^
Nota personale: amo le figures della McFarlane!
Analisi e interpretazioni di CR (sempre Wiki): Fra le fiabe classiche, Cappuccetto Rosso è una di quelle che si prestano di più a un'analisi del sottotesto, ovvero dei messaggi impliciti o nascosti.
Già Bruno Bettelheim ha evidenziato come la fiaba si presti a una interpretazione freudiana. Se è evidente la presenza di contenuti sessuali nella storia (si veda il passo di Perrault citato sopra), le interpretazioni discordano sostanzialmente solo su quello che potrebbe essere inteso come significato principale (ovviamente, è soprattutto verosimile che numerosi significati si siano sommati durante l'evoluzione storica della fiaba).
La maggior parte delle proposte enfatizza uno di due temi:
1 La prostituzione. La fiaba potrebbe essere intesa come un'esortazione a non esercitare il "mestiere". Quella della "giovane donna nel bosco" è uno stereotipo che in molte tradizioni viene metaforicamente associato alla prostituzione; nella Francia del XVII secolo, tra l'altro, la "mantellina rossa" era un segnale esplicito in questo senso.
2 La maturità sessuale. In questa interpretazione, la mantella rossa rappresenta le mestruazioni e l'ingresso nella pubertà, che conduce la bambina nella "profonda e oscura foresta" della femminilità; il lupo, l'uomo (visto come predatore sessuale da cui guardarsi).
Ma chi se ne frega! Godiamoci la vita, lupacchiotto mio ^_^
Presa QUI!
Quindi, da quel che ho capito io, riassumo con le date e la morale:
1-In origine, nel XIV secolo (1300) con "La finta nonna" erano tutte donne, compreso il lupo che era un orco femmina! Qui nonna e bimba si salvano da sole! Morale: astuzia e furbizia femminili sono vincenti ^_^
2-Dopo, nel XVII secolo (1600), arriva la variante di Perrault (uomo) che fa morire la nonna e la bimba divorate dal lupo! Morale: la giovinetta è meglio che stia a casa! (E che la nonna crepi di fame visto che vuole abitare dall'altra parte del bosco da sola, aggiungo io ^_^) Ma soprattutto che la giovinetta non ceda alle lusinghe degli sconosciuti!

Qui farei una parentesi sulla grande epidemia di SIFILIDE avvenuta un secolo prima, scoppiata sembra nel 1495 a Napoli a seguito della calata del Re francese Carlo VIII. Il ritorno dell'esercito francese verso nord diffuse la malattia in tutta Italia, e alla fine in tutta Europa, giungendo sino in Oriente. La malattia venne quindi conosciuta in quasi tutta Europa con il nome di mal francese, tranne in Francia dove prese il nome di mal napolitain.
(Chissà perchè hanno cambiato il nome? Ops! ;)
Di chi sia la colpa poco importa ormai, la cosa importante è che sia stata di portata storica quindi ha segnato le menti (e i corpi) delle persone in modo significativo!
Domanda che mi pongo: che abbia segnato forse anche le generazioni future?
Domanda a cui mi rispondo: Potrebbe!
(Sono stata colta da marzullite acuta! ^_^ ... tranquilli è passata!)
Ecco dunque che un Perrault, aggiungo ancora forse perchè è solo una mia supposizione, potrebbe aver inserito in una fiaba un messaggio morale su base storica del tipo "Fate memoria di quello che è successo ai nostri nonni, non dimenticate!"
Che dite voi? Potrebbe?

3-Tornando ai messaggi di CR, arriva nel 1800 Carlo Collodi, ma riprende paro paro la versione di Perrault. Nel suo libro "I racconti delle fate" CR termina con la morte di entrambe per bocca del lupo.
4-Nel XIX secolo arrivano i fratelli Grimm che aggiungono il cacciatore e il lieto fine. Morale: fanciulla in difficoltà "perchè stordita e cerebrolesa", nessun problema! Arriva "maschio" cacciatore a salvare la situazione!

A oggi, la versione ufficiale è quest'ultima, o no?
NO! ERA!
Finalmente sono arrivata al film! ^_^
(Spero di non avervi annoiati con questo lungo prologo, non era mia intenzione. 
Le informazioni mi hanno inondata letteralmente, non è stato facile!)
seconda locandina per RED RIDING HOOD
il sito ufficiale QUI!
No perchè, come dicevo all'inizio, in marzo negli USA esce un film diretto da Catherine Hardwicke (quella di Twilight e di Thirteen, gli unici suoi che ho visto!) prodotto da Appian Way (di Leo di Caprio) e da Warner Bros.
Tutti insieme appassionatamente hanno dichiarato che sarà una "nuova cappuccetto rosso in versione gotica al centro di un triangolo amoroso con i lupi mannari" ... evviva ^_^
Ci mancavano i lupacchiotti e il triangolo amoroso, no?
Era un sacco di tempo che non se ne parlava, no?
... dall'anno scorso! In effetti! O__o
Il cast di RRH: Amanda Seyfried (Cappuccetto Rosso, la conosco per "Letters to Juliet"), Gary Oldman (Padre Soloman ??? personaggio sconosciuto alla fiaba classica, l'attore lo conosco per troppi film che non sto certo a elencare. Lo amo!), Julie Christie (la nonna, famosissima attrice. Anche lei non ha bisogno di presentazioni! Mi piace!), Shiloh Fernandez (Peter ??? bho, ha fatto la serie Jericho ma non l'ho vista), Max Irons (Henri, altro personaggio sconosciuto. L'attore lo conosco per Dorian Gray ^_^ Mi è piaciuto.) e altri ancora.
Ora sul cast, non ho nulla da dire se non: speriamo!

Ma la TRAMA?  
Cappuccetto Rosso si chiama Valerie e ama Peter. Purtroppo è costretta a sposare il ricco Henry (oh! Poverina!). Improvvisamente però compare il lupo mannaro! Il villaggio dove abitano i fanciulli protagonisti fa trovare al lupo sacrifici animali per tenerlo buono da anni, ma non gli bastano più! Il feroce lupo comincia a uccidere! Arriva così Padre Soloman, un cacciatore di licantropi. 
Lui li avverte: "La bestia potrebbe essere uno di voi!"

A seguito vi metto qualche immagine dal film.
Amanda (CR) e Shiloh (Peter)
lei: "Oh! Ma non possiamo, sennò mi mordi!"
lui: "Tranquilla, quello è un altro film!"
"Sei sicuro?"
Gary Oldam, Padre Soloman
"Sono un cacciatore di vampiri!
Non so che ci faccio in Cappuccetto Rosso, ma dopo Dracula
volevo provare a stare dall'altra parte!"
Secondo Perrault, il mantello rosso era un chiaro riferimento
alle donne di facili costumi.
Se lo vedesse così grande e svolazzante con
lei che sorride così allegramente, che penserebbe?  ^_^
Qualcuno abita sempre isolato, e solo lui/lei sa il perchè!
Sarà la nonna una strega? Mha!
Lei: "Oh! Ma ti ho detto di no!"
Lui: "Scusa, sono una bestia!"
Sono il Principe Azzurro!
Che ci faccio qui?

Chi amerà di noi due?
Facile, quello che sopravviverà!
In un buon film di terrore ci si guarda sempre dietro con aria preoccupata!
mmm ... sono sbalordita per l'originalità!
Chissà chi sarà mai il licantropo! Oh, cielo!
Chissà perchè lo tenevano buono con gli animaletti della foresta?
Chissà perchè non lo hanno ucciso prima?
Chissà!
Ovviamente non saranno nè Peter nè Henry, mi auguro!
Almeno speriamo che sia Valerie, così da essere un pochino più originale, ti prego!

Tanto lo so, per me è Peter! Scommettiamo?
E' incazzato perchè la sua amata deve sposare un altro, non controlla più la bestia che è in lui!
Ma mi piacerebbe vedere LEI licantropo, incazzata per lo stesso motivo!
La nonna licantropo sarebbe il top ^_^
Sarà lui o non sarà lui?
Dopo secoli di fiabe scritte e riscritte da grandi scrittori come Perrault e i fratelli Grimm con delle morali per dare alla gente dei messaggi dettati dal tempo, becchiamoci pure la versione twilightiana di Cappuccetto Rosso.
Viviamo oggi, infondo.
Siamo dettati dalla superficialità e dalla banalità.
Comunque potrei sbagliarmi ... anzi me lo auguro!

L'unica cosa che apprezzo, per ora è la fotografia.
Il gotico dark mi piace molto ^_^

Ecco il TRAILER 1 in inglese

Video da YouTube, grazie!

E il TRAILER 2! Uscito da pochi giorni.
Da YouTube

L'APPUNTAMENTO PER NOI IN ITALIA SARA' IL 22 APRILE!
Non mancate!

EDIT DEL 26 APRILE:  LIBRO E FILM VAI QUI!

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...