8 aprile 2011

LIBRI 2011 (12 recensioni) - 1 di 4

Dopo il LISTONE dei 31 LIBRI LETTI nel 2010, ho pensato di dividere l'anno 2011 in trimestri e farne un post alla fine di ognuno ampliando lo spazio per ciascun titolo con incipit e trama oltre che con la mia opinione.
SOLO DI ALCUNI e DEI GENERI CHE TRATTA IL SITO ne farò/ne ho fatto un articolo dedicato perchè il tempo è quello che è, aimè!. In più non ne vale sempre la pena. Ma di tutti i libri che leggo ho pensato di dirvi qualcosa, già che li ho letti almeno vi dico la mia.
Ho notato che siamo ancora in pochi a essere iscritti in aNobii.
Che aspettate? ^_^
Vi ricordo che ho aperto IL GRUPPO LIBRI E CAFFELATTE ^_^ per tutti coloro che hanno la libreria in aNobii, ovvio.
LOGO GRUPPO IN ANOBII

Iniziamo con il primo blocco di 12 libri ^_^

1 - "Appunti di un venditore di donne" di Giorgio Faletti
B.C.Dalai Editore
INCIPIT
Io mi chiamo bravo e non ho il cazzo.

TRAMA: 1978. A Roma le Brigate Rosse hanno rapito Aldo Moro, in Sicilia boss mafiosi come Gaetano Badalamenti soffocano ogni tentativo di resistenza civile, all’ombra della Madonnina le bande criminali di Vallanzasca e Turatello fanno salire la tensione in una città già segnata dagli scontri sociali. Ma anche in questo clima la dolcevita del capoluogo lombardo, che si prepara a diventare la «Milano da bere» degli anni Ottanta, non conosce soste. Si moltiplicano i locali in cui la società opulenta, che nella bella stagione si trasferisce a Santa Margherita e Paraggi, trova il modo di sperperare la propria ricchezza. È proprio tra ristoranti di lusso, discoteche, bische clandestine che fa i suoi affari un uomo enigmatico, reso cinico da una menomazione inflittagli per uno "sgarbo".
Si fa chiamare Bravo. Il suo settore sono le donne. Lui le vende. La sua vita è una notte bianca che trascorre in compagnia di disperati, come l'amico Daytona. L'unico essere umano con cui pare avere un rapporto normale è un vicino di casa, Lucio, chitarrista cieco con cui condivide la passione per i crittogrammi. Fino alla comparsa di Carla che risveglierà in Bravo sensazioni che l'handicap aveva messo a tacere. Ma per lui non è l'inizio di una nuova vita bensì di un incubo che lo trasformerà in un uomo braccato dalla polizia, dalla malavita e da un'organizzazione terroristica.
Un noir fosco su uno dei momenti più drammatici del dopoguerra italiano, in una Milano che oscilla tra fermenti culturali e bassezze morali.

CONCLUSIONI: Credo che l'incipit di questo libro rimarrà nella storia per la sua brutalità. L'ho letto perchè ero curiosa di vedere come avrebbe gestito la "Milano da bere o by night" di quegli anni. Faletti non mi dispiace anche se non mi fa impazzire, ma per il genere non per lo stile. Il libro è cupo, per certi versi "deprimente". Il personaggio Bravo mi ha messo una tristezza crescente. Alla fine l'ho letto ma mi sono convinta non essere un genere che mi appartiene. Cmq, Milano la descrive benissimo. La storia è coerente, ma non mi è piaciuta. I personaggi alcuni sono ben "dipinti" altri trovano poco spazio e quindi hanno poco spessore. Bravo rimane un uomo davvero triste, sarà per gli "ovvi motivi"...
PROMOSSO ma lo consiglio solo a chi piace Faletti e il noir.

2 - "Notte buia, niente stelle" di Stephen King
Sperling & Kupfer
Questo libro ha una recensione dedicata ^_^ 
Vi riporto solo le conclusioni finali, ma se siete interessati ai singoli incipit e trame (e spero alla mia opinione per racconto) buttate un occhio al link.

CONCLUSIONI: Secondo la quarta di copertina, questo libro doveva narrare di DONNE uccise, seviziate o comunque "rimesse al loro posto". Una guerra combattuta da UOMINI frustrati, impauriti e resi folli dalla perdita del loro potere. Analizzando i racconti però, non mi sembra poi così appropriata la presentazione.

Racconto 1: qui la donna viene uccisa ma è una "brutta e cattiva persona" non è certo una "vittima innocente". Non credo che qualcuna ci si possa immedesimare in una donna tanto "bestia". I due uomini però, il marito più che altro perchè il figlio lo diventa dopo, sono frustrati. Le simpatie "andrebbero" al marito, se proprio uno analizza il racconto. Rimane il fatto che uccidere sia sbagliato, ma qui la vittima sembra il marito. Quindi, DONNE NO, UOMINI SI'.

Racconto 2: la povera Tess è più che seviziata, rientra nella presentazione. L'uomo "bestia" qui mi sembra un deviato mentale, un criminale che dovrebbe marcire il galera. Direi che fa parecchio sfogo del suo potere, non lo ha perso. Quindi, DONNE SI', UOMINI NO.

Racconto 3: qui sinceramente non vedo nulla che possa rientrare nella presentazione. La figura femminile è quasi assente o di poca rilevanza. Quella maschile è spinta da problemi personali di salute e null'altro. Anche in questo caso,  più che guerra tra uomini e donne, mi sembra solo un viaggio nel marcio dell'animo del protagonista. Quindi, DONNE NO, UOMINI NO.

Racconto 4: Darcy è "una donna mito" ma a parte questo, sempre per non rovinare la lettura del racconto, posso solo dire che qui l'unico è il marito che ha problemi. DONNE NO, UOMINI SI'.

In conclusione, a parte il terzo racconto che non c'entra nulla a mio avviso con la presentazione, gli altri tre sono solo per metà dentro "il filo conduttore" dell'antologia. Secondo me è più come dice King nella Postilla: persone prive di speranza! Sono tutti racconti con personaggi "vuoti" o "pieni di marcio", scegliete voi.
Il libro si è lasciato leggere ma speravo in qualcosa di più, anzi molto di più. L'ho trovato un po' fiacco, forzato in alcuni punti e fin troppo scontato in altri. Un po' "banalotto" se vogliamo dirla in altri termini.
Lo consiglio ai fan di King ma con l'avviso di non avere troppe aspettative.
PROMOSSO con la sufficienza

3 - Le fiabe di Beda il Bardo di J.K. Rowling
Salani Editore
DESCRIZIONE: Per sostenere il Children's High Level Group, istituzione benefica da lei fondata a favore dei bambini disagiati, nel dicembre 2007 J.K. Rowling ha messo all'asta da Sotheby's una delle sette copie manoscritte e illustrate da lei stessa delle "Fiabe di Beda il Barbo", il libro che viene lasciato da Albus Silente a Hermione Granger in "Harry Potter e i Doni della Morte". La copia messa all'asta è stata acquistata da Amazon per 1,95 milioni di sterline. Per rispondere alla grande richiesta dei fan di Harry Potter, l'autrice ha ora deciso di permettere la pubblicazione del libro e la sua traduzione in tutto il mondo; i proventi dei diritti verranno destinati anch'essi al Children's High Level Group. 
Questa nuova edizione ha addirittura qualcosa in più, precisa J.K. Rowling: "i commenti del Professor Albus Silente, su gentile concessione dell'archivio dei Presidi di Hogwarts". 
Finalmente tutti potremo leggere le fiabe che i genitori maghi leggono ai loro figli tradotte dalle rune originali da Hermione Granger, illustrate da J.K. Rowling, con commenti di Albus Silente.

CONCLUSIONI: C'è poco da dire se non che non potevo non comprarlo ^_^ L'idea è carinissima, le noticine riportare "a mano" sono deliziose. Sembra quasi di avere un pezzettino del mondo di Harry Potter a casa mia. Comunque lo consiglio solo agli appassionati del mondo potteriano.
PROMOSSO

4 - "Gli animali fantastici: dove trovarli di N. Scamander" di J.K. Rowling
Salani Editore
DESCRIZIONE: Non c'è casa di maghi in tutto il paese dove non troneggi una copia di Gli animali fantastici: dove trovarli. Ora, solo per breve periodo, anche i Babbani avranno la possibilità di scoprire dove vivono i Quintaped, cosa mangiano i Puffskein e perché è una cosa saggia non lasciare latte in giro per i Knarl. I proventi della vendita di questo libro andranno a Comic Relief. Ciò significa che ogni euro o galeone d'oro ricavati faranno magie al di là dei poteri di qualunque mago. Se ritenete che questa non sia una buona ragione per separarvi dal vostro denaro, possiamo solo sperare per voi che un mago di passaggio si mostri più caritatevole nei vostri confronti, quando verrete attaccati da una Manticora.

CONCLUSIONI: Non poteva mancare nella collezione ^_^ Solo per gli appassionati perchè, anche se amo il mondo di Harry, questo libricino è parecchio infantile.
PROMOSSO

5 - "Cacciatori di vampiri" di C. Gleason
Newton
Di questo libro non potevo non fare una recensione ... ^_^
Qui vi riporto solo la mia opinione personale, se ne volete sapere di più ma soprattutto farvi due risate vi rimando all'articolo.

CONCLUSIONI: il primo libro "Cacciatori di vampiri" mi è parso a dir poco imbarazzante. Se incontrassi la Gleason le direi: "Non deprimerti, non sai scrivere ma ti resta la salute!"
Passata la metà, la narrazione migliora leggermente ma peggiora la trama. Trama? Be' è un parolone. Io direi che è più una consecuzione di eventi schizzati sulla carta a furia di ... sarò gentile ... di starnuti!
I personaggi sono bidimensionali, nessuno con un minino di spessore, la stessa Victoria è forzata e finta per tutto il tempo, si muove per forza di gravità e parla perchè ha la voce. Le scene di battaglia, si fa per dire, sono scritte ... be' sono puff! puff! e puff! così faccio prima e ci capiamo meglio ^_^
Ovviamente non leggerò gli altri. Ho letto "le trame" e volendo (tanto per togliermi la curiosità) potrei passare all'ultimo senza problemi. Sono complicate come gli episodi di Beautiful, puoi saltarne 100 che tanto non cambia nulla!
Lo consiglio a chi si trova in un bunker in attesa che la pandemia passi, o che gli zombie si mangino da soli, o che gli alieni se ne vadano ma che rendano però l'armadillo ... e se proprio non c'è altro da leggere o da fare!
DISCUSSIONE DEL GRUPPO IN ANOBII: Ci mancavano i vampiri che fanno puff!
BOCCIATO

6 - "Unwind/La divisione" di Neal Shusterman
Piemme Freeway
LA MIA LUNGA E APPROFONDITA RECENSIONE QUI!
CONCLUSIONI: Il libro ha una scrittura veloce, scorrevole ma non priva di errori. Errori di grammatica, è un peccato ma ci si passa sopra. Non mi sono strappata i capelli, una lettura in più e l'editor li avrebbe colti. Pazienza!
Per quel che riguarda lo stile, mettiamola così: l'autore non è stato lì a scegliere uno stile "elevato" ma ha preferito uno stile "parlato" forse perchè essendo per ragazzi ha preferito un linguaggio facile. E' una scelta.
La storia è la cosa che più ho gradito ^_^
Bella l'idea e ben gestita.
La trama ha dei "buchi". Non sono sconvolgenti da farla precipitare ma mancano delle spiegazioni. Forse un ragazzo (l'età di lettura sembra essere dai 13 anni in sù) non ci fa caso ma io sì.
Ci sono anche delle "leggerezze" negli scontri fisici e nell'uso di mezzi che mi hanno lasciato un po' perplessa. Troppo facile, troppa fortuna. La mano dell'autore "dio e padrone" si è sentita.
Però alla fine lo PROMUOVO  lo stesso e LO CONSIGLIO e vi dico anche il perchè.
Proprio come se si fosse diviso, nel libro c'è un pezzo di cuore/anima dell'autore.
Shusterman è riuscito a farmi riflettere e commuovere e rabbrividire ... e tanto altro ancora. Secondo me è un bel libro, con i suoi difetti certo, ma mi sento di consigliarlo perchè mi ha emozionata. Mi capita raramente. Quindi se volete una lettura dallo stile leggero ma dalla trama coinvolgente, UNWIND potrebbe interessarvi.
DISCUSSIONE DEL GRUPPO IN ANOBII: La Divisione è come un omicidio...
PROMOSSO

7 - "Tutto su Stephen King" di Bev Vincent
Sperling & Kupfer
DESCRIZIONE: 
Scritti autografi, lettere, fotografie, disegni inediti e memorabilia. Finalmente, Bev Vincent svela tutti i segreti e i retroscena della fortunatissima carriera di Stephen King raccogliendo in un prezioso volume numerose testimonianze inedite della vita e del lavoro del celebre scrittore. Un libro di grande formato, riccamente illustrato, tutto da leggere e da scoprire. Dentro speciali tasche interne, infatti, i lettori troveranno il giornalino del college di King con i suoi primi racconti; fotografie mai viste prima; la versione originale di It con appunti autografi; disegni, schizzi e molto altro ancora.
Un modo unico, originale e immediato per entrare nel mondo di Stephen King. Un mondo fatto di incubi terribili.

CONCLUSIONI: A parte la libidine che ho provato nell'avere tra le mani le veline con riprodotti gli scritti originali del Re, è stato molto interessante conoscere i retroscena per ogni libro. Ne è valsa la pena! Un libro di straordinaria qualità! Avendo letto anche "On writing" ho notato che alcune notizie si ripetono ma sono poche e, a mio avviso, si completano.
PROMOSSO

8 - "Editoria Digitale" di Letizia Sechi
Apogeo
L'ARGOMENTO è già nel titolo. L'ho trovato molto interessante.
A una prima parte d'introduzione storica segue un capitolo tecnico sui linguaggi per testi digitali e i formati per ebook. Spiega anche come realizzare un ebook e come promuoverlo in distribuzione. C'è anche un'introduzione sui dispositivi in commercio come Kindle, Sony, Irex e Nook. Infine l'argomento scottante: i DRM!
Insomma, se prima sapevo "poco" adesso ho un'introduzione (secondo me valida) per partire con gli approfondimenti sull'argomento. Lo consiglio a chi volesse iniziare a capire un po' il nuovo mondo editoriale che si sta muovendo molto velocemente.
Mio articolo di qualche tempo fa, "Editoria: il nuovo mondo è già qui" per chi volesse qualche info in più e i tre "diari personali" sulla convention Ebook Lab 2011 tenutasi in Rimini (QUI, QUI e QUI) dove troverete i link agli stralci degli interventi dei recensori. 
PROMOSSO

9 - "Bitten" Kelley Armstrong
Fazi
INCIPIT
Non ho scelta.
Dovrò soccombere, anche se è tutta la notte che combatto. Come una donna che sente i primi dolori del travaglio non può decidere di rinviare il parto, allo stesso modo neppure io posso opporre resistenza: è perfettamente inutile, perchè alla fine la Natura vince sempre.

TRAMA: Toronto, ai nostri tempi. Elena Michaels è una giornalista di successo, ha un ragazzo normale che la vorrebbe sposare, ama correre di notte, correre veloce come il vento. Non sono certo le strade buie o i tipi loschi a farle paura perché dalla sua ha qualcosa di straordinario. È l'unica donna licantropo al mondo. Ha abbandonato il suo clan d'appartenenza e i comfort della villa, loro quartier generale, per una vita ordinaria. Indietro non si è lasciata solo un Branco ma anche Clay, colui che l'ha tradita trasformandola in un licantropo. Sarà l'amore per l'unico uomo che davvero le abbia toccato il cuore e il forte sentimento di appartenenza ai licantropi che la ricondurranno indietro, quando il Branco avrà bisogno di lei. È giunto per Elena il momento di scegliere tra l'amore per Clay e quello per il ragazzo della porta accanto, tra la sua nuova vita, tessuta su una tela labile e pregna di bugie, e la sua natura che, come la luna chiama le maree, la sta chiamando a sé.

CONCLUSIONI: Lo avevo iniziato l'anno scorso, non mi aveva "preso" anzi mi aveva annoiata parecchio. In più descrive i Licantropi come "lupi somiglianti ai labrador" cosa che non avevo digerito. La mia recensione del 6 ottobre 2010 la trovate QUI! In ogni caso, alla fine, l'ho letto tutto così da dare un giudizio conclusivo: Bitten è un libro penoso! E' scritto malissimo, usa i tempi dei verbi a caso (imperfetto, participio passato, presente ... un po' come girava alla scrittrice, insomma), la punteggiatura idem (i " : " vengono usati come mai avevo visto in vita mia), la trama è banale (in pratica la "lupacchiotta snob" ce l'ha solo lei e tutti le ruotano attorno), dialoghi infiniti e inutili ... ora che l'ho concluso posso tranquillamente dire che NON mi è piaciuto NULLA!
DISCUSSIONE DEL GRUPPO IN ANOBII: Licantropi o Lupetti?
BOCCIATO

10 - "EverWorld 5 - Il regno dei Folletti" di K.A. Applegate
Mondadori
INCIPIT
IL PATTO CON IL DRAGO
«Nidhoggr» sussurrai.
Nessuna risposta.
Iniziai ad arrampicarmi sulla gigantesca montagna d'oro. E finalmente si accorse di me. La testa enorme si sollevò, mi sovrastava. Un rivolo di quindici litri di napalm gli gocciolava dalle fauci e scendeva nell'oro, fon-dendolo.
«Umano» disse il drago. «Non vedo la mia pietra, né la mia lancia, né la mia spada, né il mio calderone.»
«No» risposi, parlando più forte che potevo.
«Non hai un bell'aspetto.»
«No.»
«Ti restano solo poche ore, umano. La pietra che hai dentro il petto è impaziente di bruciarti.»
Annuii.
«Sì. Lo so. Ma so anche come puoi fare per riavere i tuoi oggetti.»
Il drago mi guardò.
«Sei venuto a cercare di convincermi a cadere nella trappola che i folletti mi hanno teso?»
«No. So della trappola. Se la intendono con il nemico, con gli Hetwan. C'entra anche questo, in parte.»
L'enorme occhio che mi stava davanti si dilatò per la sorpresa.
«I folletti vogliono il tuo tesoro. Gli Hetwan vogliono invadere il regno degli Inferi, e non vogliono dover combattere contro di te per farlo.»
Nidhoggr annuì appena. Era come vedere il dirigibile della Goodyear che dondolava nell'aria.
(continua...)

TRAMA: "Ewerworld. Conati di vomito. Più niente da vomitare. Più niente dentro. Pioggia, pioggia forte, fango dappertutto. Io, disteso sulla schiena, la bocca aperta, a cercare di spegnere la sete ardente con una goccia, una goccia, un'altra goccia di pioggia. Un'ora dopo l'altra. Pioggia sulla faccia, sul petto, dappertutto, pioggia negli occhi, nelle orecchie. Una goccia, un'altra goccia, nella bocca impastata di terra." (David)

CONCLUSIONI: In questo quinto capitolo è nuovamente David a parlare, a pensare. Non mi è simpatico come Chris ma mi piace lo stesso. Non so che dire se non che, sebbene siano per ragazzi, trovo questi libretti godibilissimi. Ci sono molti clichè, sicuramente non sono perfetti e qualche forzatura ogni tanto c'è ma si lasciano leggere volentieri. Unico problema: sono brevissimi e finiscono sempre "tronchi" ... uff! Cercherò di velocizzare la lettura in modo da concludere questa saga ^_^
PROMOSSO

11 - Assassin's Creed - Rinascimento - di O. Bowden
Sperling Paperback
INCIPIT
Alte le torri di Palazzo Vecchio e del Bargello brillavano e guizzavano le torce e poco distante a nord, nella piazza della cattedrale, luccicavano alcune lanterne. Altre illuminavano le banchine lungo le rive dell'Arno dove, nel buio, si scorgevano, a tarda ora per una città in cui la maggior parte degli abitanti si chiudeva in casa all'arrivo della sera, dei marinai e degli stivatori. Alcuni marinai, ancora impegnati con le navi e le barche, si sbrigavano con le ultime riparazioni al sartiame e avvolgevano ordinatamente le funi sul ponte scuro e lavato, mentre gli stivatori si affrettavano a portare il carico al sicuro nei vicini magazzini.

TRAMA: Firenze, 1476. Il giovane Ezio Auditore ha visto giustiziare il padre e i fratelli in seguito alle accuse montate dalla famiglia dei Pazzi. Scopre così di discendere dalla setta degli Assassini, la cui unica missione, da secoli, è distruggere l'Ordine dei Templari, dove militano proprio i Pazzi. Da quel momento e per anni, Ezio si aggira per l'Italia, silenzioso e invisibile, per uccidere i nemici cui ha giurato odio eterno. Ma la sua guerra ha anche un altro e più importante obiettivo: recuperare un misterioso Codice che potrebbe dare a chi lo possiede un potere incommensurabile.
Basato sul celebre videogioco Ubisoft "Assassin's Creed", il primo, appassionante libro di una serie epica, che al fascino della storia unisce la suspance del Thriller.

CONCLUSIONI: Per dirla in breve MI HA ENTUSIASMATA!^^ Non sarà un libro di elevata letteratura, sono sarà perfetto (ci sono alcuni errori di narrativa, è vero) però non lo lasci finchè non è finito! La trama è avvincente. C'è moltissima azione, non mi sono MAI ANNOIATA!
Il videogioco un po' l'ho fatto, non ho potuto finirlo (ma chissà forse un giorno ci riuscirò). Quindi i personaggi già li conoscevo. E' stato anche piacevole ritrovarli su carta.
Un avviso alle ragazze: Ezio rischia di farvi innamorare ;)
Comprerò il secondo "Assassin's Creed Fratellanza"
PROMOSSO

12 - Guida Steampunk all'Apocalisse di M. Killjoy
Agenzia X
MIA RECENSIONE COMPLETA QUI!

CONCLUSIONI: "La guida steampunk all'apocalisse" non si può non leggere. Io consiglio di darle un occhio soprattutto all'appendice per chi volesse capire meglio il genere. Per uno scrittore rimane un libro di consultazione per un'ispirazione o per mettere le basi ai suoi scritti. 
L'unico difetto che individuo, secondo me, è che prima andavano mostrati gli scenari apocalittici e dopo "la sopravvivenza". Io suggerisco di sfogliarla, all'inizio. Solo quando si è scelto lo scenario poi andare a consultare le varie opzioni del "fai da te".
Alla fine è un lavoro più che apprezzabile.
PROMOSSA ... alla grande!




ECCO FATTO!
Spero che alcune mie conclusioni vi possano aiutare nella scelta di uno o più dei libri che ho esposto. Come ho già detto, ma è meglio ripeterlo, sono mie personalissime opinioni. 
E' quello che penso io dei libri che ho letto, tutto qui. 
Non lavoro per/con nessun editore, quindi rimangono opinioni personali vere e autentiche. Possono essere condivise oppure no, va poi a gusti. 
Un abbraccio a tutti e buona lettura^^



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...