22 settembre 2011

BLOOD STORY/LET ME IN/LASCIAMI ENTRARE (Libro-Film 2007 e 2010)

LOCANDINA ITALIANA
Per ottobre esce BLOOD STORY - LET ME IN di Matt Reeves. Scritto e diretto da Matt Reeves! O__o Secondo Stephen King "Il miglior horror AMERICANO degli ultimi 20 anni". Americano? Eh?
"Pronto? Ste' ...
Senti, ma lo sai che è un remake del film svedese del 2007?"
OPS! Che inciampo! ;)
La versione americana che stiamo per vedere anche qui in Italia è SPUDORATAMENTE RICALCATA da quella SVEDESE. A questo punto mi chiedo: "Ma perchè non sottotitolarla in inglese, quella svedese, e basta?"

Capisco i remake, ma questo va oltre. 
Povero Matt, chissà che fatica riprodurre le MEDESIME SCENE ... porello! Chissà che fatica pensare a come il regista Tomas Alfredson avesse posizionato le camere, le luci e tutto il resto per il suo film.
Ma caspita! Lo avrà chiamato o si sarà limitato a studiare in modo maniacale il film svedese?
Mistero! (Non posso più nemmeno chiamare Raz per chiedere aiuto perchè non c'è più. Sono triste!)

Un'immagine USA^^
Ora vi metto il TRAILER italiano del film SVEDESE 
del 2007 LET ME IN - LASCIAMI ENTRARE


Pochi istanti dopo rispetto al fotogramma USA :D
Giudicate voi!
A parte le polemiche, il film svedese MERITA DAVVERO! Quello americano suppongo anche, visto che è uguale. Cmq lo vedrò, poi vi farò sapere.

Entrambi arrivano dal libro LASCIAMI ENTRARE del 2004 -Låt den rätte komma in- tradotto in inglese come "Let the Right One In" dello scrittore John Ajvide Lindqvist. L'ho letto l'anno scorso, mi è piaciuto molto anche se l'autore si dilunga un po' troppo per i miei gusti. In certi momenti è leggermente noioso ma è talmente ben riuscita la bambina che trasuda ansia e angoscia ogni volta che compare. Bene, bene!

MARSILIO EDITORI 2006
INCIPIT
Il luogo

Blackeberg.
Fa pensare a quei dolci rotondi di pasta di cocco, magari fa venire in mente la droga. Una vita decente. Si pensa alla metropolitana, ai sobborghi. Poi probabilmente non viene in mente nient'altro. Anche lì, come dappertutto, ci abita della gente. È per questo che il quartiere è stato costruito, perché le persone avessero un posto dove abitare. Non è un luogo cresciuto in modo naturale, no. (...)

Nessuno li vide quando si trasferirono.
A dicembre, quando alla fine la polizia riuscì a rintracciare il trasportatore che aveva effettuato il trasloco, questi non aveva molto da raccontare. Nella sua agenda del 1981, aveva soltanto scritto «18 ottobre: Norrköping Blackeberg (Stoccolma)». Ricordava che si trattava di un uomo e di sua figlia, una ragazza carina.

Oskar e Eli
TRAMA, il film svedese è abbastanza fedele al libro perciò vale per entrambi: Il quartiere calmo e "noioso" di Blackeberg, un sobborgo di Stoccolma, viene scosso da una serie di omicidi. Persone sgozzate e prosciugate del sangue vengono trovate abbandonate nel bosco. La polizia indaga.
Oskar, un ragazzino di dodici anni timido e introverso, è vittima dei compagni di classe. Si sfoga nel parco del suo condominio la notte accoltellando delle piante. Eli, una ragazzina all'apparenza sua coetanea, si è trasferita da poco nel palazzo con un uomo che Oskar suppone essere il padre.
Tra i due nascerà un'insolita amicizia che sfocerà nell'inquietante accettazione di essere soli nel mondo. E contro il mondo.

Ho fame ...


Se non mi lasci entrare, io muoio ...
Il libro come il film svedese sono un po' lenti. Giocano sull'atmosfera e sul rapporto tra i due ragazzi più che sulla caccia di lei o sul mito del vampiro (perchè, come mai e bla bla bla!). 
NON ci sono "brillantini" di nessun tipo, e ci siamo capiti! :D
Eli è un personaggio ben caratterizzato. Mi è piaciuta moltissimo anche se ricorda la bimba-vampira Claudia di Anne Rice di Intervista col vampiro del 1976 da cui poi hanno tratto il capolavoro omonimo con Cruise, Pitt e Banderas e una giovanissima Dunst.
Indimenticabile!
Eli ricorda Claudia ma sono molto diverse. Eli è già "vecchia" quando la conosciamo. Claudia viene creata e si forma durante la narrazione. 

CONCLUSIONI: consiglio la lettura del libro e la visione del film svedese, ovvio ^^ Il remake americano sembra interessante, dovrò sforzarmi e guardarlo fingendo stupore :D

2 commenti:

  1. Proprio quello che ho scritto io! Stephen King ha scassato...

    RispondiElimina
  2. Ho visto! La pensiamo allo stesso modo^^
    Povero Ste' mi chiedo se l'abbia visto ... mha :D

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...