26 febbraio 2011

I Diari del Vampiro: la Smith licenziata? Ma per favore!

Il Diario del Vampiro - la Genesi
Newton 2011
Non starò qui a parlarvi della saga dei Vampiri della Smith, ci sono i libri editati dalla Newton con le copertine nere e i fiori in tutte le librerie (impossibile non vederli ^_^) e fanno la serie in tv "The Vampire Diaries" (la PRIMA con la mia opinione, per chi volesse, è QUI!). 
Ho letto tutta la sua saga sulle Streghe della Smith (QUI!) e NON mi è piaciuta, quindi i libri sui Vampiri in questione non li ho letti ma ho visto la serie incuriosita dall'incredibile successo.
Siccome la serie invece è stata una piacevole sorpresa, tanto che sto guardando anche la seconda (bella anche questa! Va in crescendo. Ne farò un articolo ^_^) ho cambiato idea e ho deciso di leggere i diari ... che casino! Lo so!

In sintesi, i Diari del Vampiro ancora non li ho letti (anche se mi è stato detto che differiscono MOLTO dalla serie, questo spiegherebbe perchè la serie mi piace ;) ma ultimamente è saltata fuori questa notizia ed è di questo che volevo parlarvi.
Per chi volesse leggere anche la lettera originale in inglese può andare QUI!

Se non avete ancora letto l'articolo linkato, o volete farlo dopo (cmq vi consiglio di leggerlo), il fattaccio brevemente è questo:
l'autrice è stata estromessa dalla sua saga!
Non potrà continuare a scrivere lei i libri successivi perchè sempre lei voleva portare i personaggi in una direzione non gradita alla casa editrice Harper Collins, all'Alloy Ent. e probabilmente anche alla produzione della serie tv.
L'idea dell'autrice era di far mettere insieme Elena e Damon.
Detto tra noi mi pare 'na cavolata pure a me! 
Elena e Stefan ^_^
BREVE SFOGO: La storia d'amore tra Elena e Stefan è bella, pulita e sincera! La serie mi sta piacendo proprio perchè NON ci sono i soliti scambi di coppie insensati alla Beautiful (ricordo che la stessa donna si è sposata con i due fratelli e col padre! Che schifo! Che porcata!) e l'autrice se ne esce con 'sta scemenza? Ci sono gli investitori della serie tv, gli sponsor e chissà quanti altri che stanno dietro alla saga che ha come fulcro Elena e Stefan e lei vuole distruggere tutto per metterla insieme al fratello cattivo e omicida? Ma allora, già che ci siamo, facciamo anche una bella ammucchiata in quattro e una scena lesbo tra Elena e Katherine, perchè no!
Perchè devono mettersi insieme? Lo scopo? Alzare l'attenzione? Perchè, Smith?
Lei dice: "il mio cuore lo vuole!"
... ma vaffa' va!
FINE DELLO SFOGO
Katherine e Damon (umano)
Ricordo che Damon è il mio personaggio preferito
ma una cosa è un personaggio ben caratterizzato
un'altra sono gli intrecci amorosi!
Tornando alla notizia "la Smith licenziata dalla Harper Collins" ha suscitato una reazione unica di indignazione da parte dei fan, di altri scrittori e di chi più ne ha ne metta! Ovvio!
Come? Una si fa un mazzo tanto per inventare storie e scrivere ecc. ecc. e poi ha pure la fortuna di riscuotere successo ecc. ecc. e poi ti portano via tutto? E' una bastardata!

AUTRICE-BUONA
CASA EDITRICE-KATTIVA

L'hanno pensato i fan e sul momento l'ho pensato anch'io.
Anche se è durato un momento però, perchè la cosa non tornava. Un'azienda non manderebbe mai via un'autrice che ha scritto un libro divenuto best sellers. Per quanti capricci possa fare, cercherebbe di farla ragionare per il quieto vivere e soprattutto per i fan!

Ecco che allora ho ri-letto nuovamente l'articolo con più attenzione e ho fatto una riflessione extra, anzi due.

Booksblog spiega: "Negli anni ‘90, quando era ancora giovane, le furono commissionati i primi volumi della saga dalla Alloy Entertainment (una book packager, una società che si occupa di commissionare, preparare e presentare libri alle case editrici, soprattutto nell’ambito della letteratura giovanile). Probabilmente, non prestando troppa attenzione al contratto e, comunque, non immaginando che i tre romanzi su commissione avrebbero potuto avere tanto successo, l’autrice non si era resa conto o non aveva avuto scelta o non aveva dato peso al fatto che i diritti della serie sarebbero appartenuti alla società commissionatrice e non a lei, «I own nothing», dice la Smith nella lettera, «Io non possiedo nulla».

Ah! Ecco! I romanzi le erano stati commissionati. Che vuol dire questo?
Che tu scrittore pigli SUBITO i soldi, anche in anticipo alle volte, e l'azienda si tiene i rischi come i guadagni!
LO SAI PRIMA!
Signora mia bella, Signora Smith, mi piange il cuore dirlo ma è infantile questa tua reazione!
"Oh! Me tapina... ho preso i soldi. HO VENDUTO I MIEI SCRITTI! Ho fatto delle mie creazioni della merce di scambio ... però sono affezionata a Damon, Stefan e alla mia piccola Elena e vorrei continuare a scrivere io le loro storie... sigh!"

E adesso cosa leggo? Che forse era ingenua? Povera, è colpa dell'ingenuità "non mi ero resa conto ..."
"Oh! Ho scordato a casa qualcosa ...
ah, già! I Libri!"
O peggio, le fatalità del destino: "non ho avuto scelta!"
"Signooora Smiiith ... ti conviene scrivere i diari del vampiro
sennò non sai cosa ti faccio!"
Ma che scherziamo! Può passare un pochino di "ignoranza" a livello contrattuale ma quando ha preso i soldi l'ingenuità dov'era? Non credo nemmeno ci fosse uno con la pistola (o con l'accetta) a impedirle di scegliere!

La Smith ha fatto più o meno quello che fanno i GHOST WRITERS ma con la fortuna di poter dire almeno che il lavoro è il suo!
I GW scrivono un libro su commissione in nome e per conto di uno scrittore già famoso o fittizio, si prendono i soldi SUBITO e fine del discorso!
LEGGETE QUI! E' la testimonianza di uno che lo ha fatto.
NON tengono la paternità dell'opera, per quanto sembri ingiusto (forse) perchè E' SU COMMISSIONE!
Ora, NON tutti i lavori su commissione sono così, ma rimane il fatto che BISOGNA LEGGERE IL CONTRATTO!
I CONTRATTI SONO FONDAMENTALI!


La Smith dice che la cosa risale agli anni '90. 
Infatti, Il Risveglio è del 1991. L'autrice è nata nel 1965, all'epoca dunque aveva più di 25 anni!
No, dico: venticinque anni! Non 15! Una è anche già laureata, volendo, a 25 anni! Una lavoratrice collaudata! E' madre, volendo, a 25 anni! E' tante cose ma ingenua no!
Il triangolo: Stefan-Elena-Damon
Adesso sembrerà che io sia insensibile, che la Smith mi stia sulle balle ma non è così.
Non "godo" della sua situazione.
Infondo, mi dispiace per la Smith. Anche se non sono una sua fan, è sempre "brutto" che uno scrittore venga allontanato dalla "sua creatura" per quanto sia stata una creazione mercenaria!
Mi dispiace di più però per i suoi fan, che forse essendo presi dalla storia non sono riusciti a fare una riflessione fredda come me e saranno disperati perchè adesso si sentiranno traditi.
Però, io che non ho 15 anni e che non sono "ammaliata e incantata" dalla penna della Smith, vi confesso che non ha tutte le mie simpatie. A essere onesta, non ne ha proprio!

Sembra anche che le aziende in questione le abbiamo chiesto più volte di ritornare sulle sue decisioni, altrimenti detto: "non fare sco**re Damon con Elena, dai!"
Macchè, lei non ce la fa! Deve farli mettere insieme perchè lo dice il ... suo cuore! Vabbè! Tristezza!

Per una volta, io credo abbia ragione la casa editrice.
Gridatemi dietro, insultatemi ma io la vedo così! Faccio la voce fuori dal coro!
Non dico certo di avere ragione io e che sia davvero così, è solo la mia opinione sulla faccenda basandomi su quello che ho letto in rete.
Aspetto le vostre opinioni, idee e impressioni ^_^

Chiudo dicendo anche che dal 1991 a oggi, oltretutto, la Smith ha scritto gli altri romanzi che, suppongo, saranno stati tutti creati con la medesima forma contrattuale. Pensarci prima, no?
SONO PASSATI 20 ANNI!
Considerando il successo, la cifra si sarà anche alzata. Secondo me, i soldi non erano pochi per romanzo ... ma di questo tace! Non ho trovato le cifre! Per la cronaca, c'è anche chi scrive e non becca nulla!


Perdonatemi ma a me sembra ...
I soldi ben nascosti in tasca e il cuore ben in mostra per i fan. 
cioè tante cose ma non ingenuità!
Damon: "Bye bye Smith!"
ALTRE IPOTESI da complotto, da Governo Occulto e Nuovo Ordine Mondiale insomma ^_^:
E se fosse una montatura per attirare più pubblico?
E se fosse un sondaggio "occulto" per capire se davvero una storia tra Elena e Damon sarebbe gradita dai fan?
E se la Smith non avesse più idea di come procedere e avessero inscenato tutto quanto per poter affidare a un'altra la saga? Infondo non potevano commissionare la storia di un libro già commissionato, vi pare?

E se la Smith fosse un'aliena e dovesse tornare sul suo pianeta prima del 2012?
E se davvero la Smith fosse una cerebrolesa? (Ok, questa era cattivaaa ^_^)

Il Mistero continua!
Chi vivrà, saprà!
Caroline, nella seconda serie migliora tantissimo ^_^
Come la chiama Damon: "la Barbie vampira!"
Tyler: "Perchè nessuno parla della mia nuova bestiale natura?"

Fonte del mio "pensiero" l'ho già detto ma lo ripeto è QUI! ^_^

24 febbraio 2011

The Flying di S. Messeri

Copertina The Flying
Oggi vi segnalo The Flying - La Leggenda dell'Arcanave Stellare Neoflores 2524, un romanzo di Fantascienza scritto da Simone Messeri. L'autore ha il suo BLOG QUI!
Non è il suo unico romanzo.
Tra gli altri, ha creato anche un libro illustrato, uno SKETCHBOOK per essere esatti. E non è impresa facile!
Ma andiamo nell'ordine. 

The Flying è ambientato in un futuro post "catastrofe ecologica" avvenuta dopo l’anno 2134 che copre alcuni periodi di tempo fino al 2524, il presente del romanzo.
dal blog dell'autore Università Neoflores
INCIPIT
Il vento sembrò essersi calmato. L’aria, adesso, era diventata molto più pericolosa. Gli agenti inquinanti si erano rimescolati e le correnti provenienti da ovest avevano portato altri elementi nocivi per la salute degli uomini.

Per chi volesse leggere qualcosa di più, aggiungo i link agli estratti che l'autore ha pubblicato sul suo blog:
ESTRATTO 1 dal capitolo"La partenza"
ESTRATTO 2 stesso capitolo

TRAMA: Anno 2524. 
Sono passati quattrocento anni da quando la Flying è atterrata sulla Terra. L’avvenimento, in bilico tra mito e realtà, è diventato parte integrante della storia. Esso rappresenta l’unica testimonianza di un oscuro passato di cui si è perduto ogni traccia ed è diventato oggetto di studio nelle Università. 

L’antico manoscritto “Il Testo”, importante reperto di cinquecento anni prima, narra di un misterioso viaggiatore e della sua compagna vissuti nel XXI Secolo che, dopo aver costruito un’imponente astronave La Flying, affrontano un viaggio nello spazio ibernandosi per raggiungere Alfa Centauri. Purtroppo il viaggio sarà un fallimento. Per cause sconosciute, farà ritorno sulla Terra un secolo più tardi. 
Durante il secolo in cui la Flying compie il suo viaggio, il pianeta Terra è investito da importanti catastrofi ecologiche che inquinano l’ambiente riportando gli uomini a uno stato semiprimitivo.
Tra le numerose conseguenze, si ha anche un’inevitabile carenza culturale che conduce all’incapacità di narrare gli eventi in corso.
L’imprevisto ritorno della Flying innesca un processo determinante per lo sviluppo futuro della razza umana. Infatti, non essendoci documenti storici, l’archivio dell’arcanave diviene un punto di riferimento sul passato col quale è nuovamente possibile relazionarsi originando però due contrapposte correnti di pensiero. 

Questo manoscritto è fonte di studio per Midori, una studentessa dell’Università di Neoflores, che ossessionata dalla Leggendaria astronave vuole risolvere il misterioso quesito sulla realtà della Flying. Midori, affiancata dalla simpatica amica Nichelle, frequenta le lezioni del professor Leonardis, docente del corso di “analisi della storia pre-spaziale”. In questa sede apprende le contraddizioni e le possibili verità sulla grande astronave e sul viaggiatore.
In seguito al ritrovamento casuale di un reperto, Midori e l’amica si avvicineranno al professor Leonardis per approfondire una ricerca che li guiderà verso la risoluzione del più grande mistero di tutti i tempi.

Nota: dopo l'atterraggio della Flying e il presente (dove Midori cerca di scoprire il mistero dell'Arcanave) fanno la loro comparsa due personaggi particolari e molto interessanti: Kedo e Kros. Li cito fuori dalla trama perchè volevo solo metterli in risalto e non inserirli nel contesto. Loro daranno origine a due diversi filoni religiosi o credo o ideologie che hanno scisso le menti e i cuori dell'epoca ... Midori dovrà comprendere anche questo se vorrà arrivare alla verità sul Viaggiatore.
Simone Messeri
L'Autore è nato a Firenze nel 1966, dove vive con la moglie e i figli. E' Laureato in “Architettura” presso l’Università degli studi di Firenze, dal Novembre 1999, con un tema di laurea intitolato: “Space Medical Facility: progettazione di uno spazio medico da inserire a bordo della futura stazione spaziale internazionale”.
Ha collaborato con Boeing nel 2002/03, per una ricerca sulla definizione degli spazi accessori degli aerei di ultima generazione.
Appassionato di letteratura e cinema di fantascienza, scrive e progetta astronavi. I suoi maestri sono Andrew Probert, Ron Cobb, John Eaves, Ralph Mc Quarrie, Ken Adam e altri concept artist delle grandi produzioni cinematografiche americane e inglesi. 
The Flying fu mostrato alla mostra-mercato “Lucca Comics 2006” attraverso l’ausilio di disegni e blueprints della Arcanave progettati dall'autore stesso.
Stand "Lucca Comics & Games" 2006
A CHI SI RIVOLGE COL SUO LIBRO L'AUTORE: "La fantascienza che ho letto con grande passione è sempre stata quella dei cosiddetti anni d’oro della produzione americana. Gli scrittori come Asimov, Heinlein, Alfred Elton van Vogt, Sturgeon e altri sono stati quelli che mi hanno fatto scoprire il mondo fanta-tecnologico al quale mi sono sempre ispirato.
“The Flying”, sotto certi aspetti, segue questa linea narrativa fatta di tecnologie d’avanguardia, di utopie socio-culturali e di esaltazioni dell’intelletto umano. Scrivere questo romanzo è stato come descrivere un sogno attraverso il quale ho espresso i miei desideri, divertendomi.
Naturalmente “The Flying” è aperto a tutti ma, se dovessi incanalare il romanzo in una specifica fetta di mercato, la scelta potrebbe essere quella di un pubblico tra  i 15 e i 25 anni. “The Flying” comunque è un romanzo per tutti i sognatori che amano immaginare il futuro come un mondo migliore." (Simone Messeri)
dal blog dell'autore lo studio del ponte di guida
L'autore si è auto-pubblicato, quindi ha tutta la mia stima ^_^
MIA PERSONALE RIFLESSIONE: Il lavoro che ha fatto Messeri è indiscutibile! Lo stand di Lucca era bellissimo, sprizzava passione vera e autentica come se ne vede raramente. Io che ho fatto tutte le Fiere di Lucca dal 1997 fino al 2009 vi posso assicurare che di stand così curati se ne vedono pochi.
E' un lavoro di uno che ci crede, e molto!
Il minimo che potessi fare era rimbalzare la notizia. Nel mio piccolo posso dire che lo leggerò. Un po' perchè la trama mi ha incuriosita, un po' per premiare i suoi sforzi e sacrifici. Vi farò sapere.

Il suo lavoro è acquistabile in 

Altri che hanno recensito The Flying QUI! 
E una sua INTERVISTA QUI!

Ecco il BOOK TRAILER, grazie.

IN BOCCA AL LUPO, SIMONE! ^_^



19 febbraio 2011

[serie tv] Warehouse 13 - steampunk e mistero

Locandina prima serie WAREHOUSE 13
Sono incappata per sbaglio in questa serie e l'ho trovata davvero carinissima ^_^

WAREHUOSE 13 è una serie USA del 2009 di genere fantastico con una strizzatina d'occhio allo steampunk che prende spunto dall'idea del magazzino che compare nel finale di Indiana Jones e i predatori dell'arca perduta. Ve lo ricordate?
Magazzino Indiana Jones e i Predatori dell'Arca Perduta
scena finale
qui viene riposta l'Arca dell'Alleanza
Bene, al magazzino unite due agenti dell'FBI, Myka Bering e Peter Lattimer. Lo so che il paragone con Scully e Molder di X-Files è scontato ma vi posso assicurare che le personalità sono totalmente diverse così come gli scopi e le missioni.
Myka e "Pete" s'incontrano durante una missione, quella che apre l'episodio pilota.
Nella prima puntata vengono incaricati di coordinare il sistema di sicurezza durante un ricevimento a un Museo al quale parteciperà anche il Presidente. Le sale presentano numerosi reperti, uno soprattutto viene fatto notare fin dall'inizio. Una pietra azteca a forma di testa.

La Pietra del Sangue Azteca chiamata il Signore del Sacrificio delle Vergini
La pietra si anima col sangue del restauratore. Il ricevimento non va "liscio" ^_^
A parte le solite scene d'azione da FBI televisivi (sparatorie e arti marziali), la cosa importante è l'arrivo di un personaggio particolare che blocca i poteri della pietra ma soprattutto conosce i due agenti, solo lui però ^_^.
Lui sa come fermare la testa, i guanti viola hanno "un perchè" e anche gli occhiali
Sembra pratico di queste situazioni...
Sigilla la pietra e se la porta via ^_^
Il giorno dopo Myka e Pete vanno nel South Dakota, sono stati riassegnati per un nuovo incarico dalla Signora Frederick, una donna misteriosa e a quanto pare con un notevole potere decisionale "ad alti livelli". Da ora in poi lavoreranno per lei, già! Per lei e i Reggenti.
la Signora Frederick
Pete segue le indicazioni del GPS e si ritrova nel "nulla"
Il Magazzino 13 come appare dall'esterno
Pete arriva nei pressi di una struttura metallica con una porticina, chiusa.
Presto arriva anche Myka. Quando giunge infine Arthur Nielsen, l'uomo misterioso che aveva sigillato la testa, i due agenti hanno un po' di spiegazioni. E anche lo spettatore.
Artie, l'amministratore del Magazzino 13
Con loro entriamo in uno scenario molto particolare. Il Magazzino 13, chiamato così perchè è la tredicesima struttura (ce ne sono state altre in altre parti del mondo nel corso del tempo ma, da quel che ho capito io, ce n'è sempre una sola per volta), è a metà strada tra il tecnologico, il mistico, il sovrannaturale e lo steampunk. Qualche immagine vi chiarirà meglio l'atmosfera.



Una panoramica del magazzino ^_^
La scena mi è piaciuta molto, surreale e magica insieme.
la piccola struttura infondo, nel mezzo è l'ufficio dove si trovano i "nostri amici"
la telecamera corre allontanandosi dall'ufficio mostrando un magazzino sconfinato
Ci sono perfino dirigibili, aerei e navi
CHE COS'E' QUESTO POSTO?
Ufficialmente K39ZZZ nella griglia nord americana
ma Artie lo definisce "La soffitta d'America"
Il nuovo team è pronto per ricominciare con la missione del magazzino: recuperare, catalogare e archiviare gli artefatti pericolosi in America e nel mondo. Gli artefatti sono oggetti con poteri particolari, non necessariamente mortali ma sempre dannosi, che richiamano personaggi famosi realmente esistiti.
Lo stesso magazzino è il frutto di personaggi "pazzeschi" quali Nikola Tesla, Thomas Edison e M.C. Escher.
Il primo è del 1898 ma, non sapendo bene come immagazzinare gli artefatti, è andato distrutto.
Durante il giro di presentazione passa un globo di energia statica, ma è normale ^_^
Artie spiega molte cose ai due nuovi "assistenti" (lui entusiasta, lei incredula ... simile allo scetticismo che aveva Scully ma per poco tempo, non dura tutta la serie) come l'uso del neutralizzatore, ad esempio, una sostanza violacea che funge da estintore per gli oggetti indisciplinati. L'oggetto viene immerso in essa e così isolato per il trasporto fino al magazzino.
Un altro elemento simpatico sono le armi e gli accessori, vi dico solo quelli che compaiono all'inizio e che rimarranno fino alla fine.

Parto dall'accessorio che mi ha fatto sobbalzare dalla sedia 
(ne voglio uno anch'io ^_^)
Il FARNSWORTH
Una video-rice-trasmittente inventata da Philo Farnsworth del 1929
Funziona come un videocellulare ma ha l'estetica piacevole dello steampunk ^_^

La PISTOLA TESLA
Una pistola elettrica paralizzante con sistema polifase che "spacca tutto" ^_^

L'estetica steampunk compare ogni tanto miscelandosi alle volte bene alle volte in modo un po' forzato ma, nel complesso ho apprezzato. La serie ha un crescendo sia per effetti speciali che per trame. 
Compaiono nuovi personaggi che la arricchiscono come una fantastica ragazza meccanico inventrice e "quasi" genio, Claudia
Claudia è simpaticissima
Ogni tanto fa qualche pasticcio, però ^_^
C'è un modo bizzarro di attraversare urgentemente il magazzino, Artie ogni tanto lo usa. E' buffissimo!

Vediamo ... come ultima cosa vi dico che una palla da football viene lanciata regolarmente fuori dal magazzino, compie il giro (non si sa di cosa) e ritorna dopo un po' ^_^
La palla è un mistero ...
CONCLUSIONI: ho visto la prima serie e merita, è promettente. Gli episodi sono auto-conclusivi anche se c'è filo conduttore che è il magazzino stesso. Scoprire tutto sul magazzino e sui Reggenti è parte della serie.
Hanno fatto anche la SECONDA SERIE  e la TERZA è stata confermata.
Ci sono molte situazioni comiche che divertono, i personaggi sono simpatici e coinvolgenti.
Compaiono numerose citazioni, allusioni, invenzioni di grandi donne e uomini del passato, cosa che non guasta, votati al bene o al male ;) 
A ME E' PIACIUTA E GUARDERO' LE SUCCESSIVE.
LA CONSIGLIO!

TRAILER ITALIANO DA CANALE STEEL PREMIUM

TRAILER SEASON 1 IN INGLESE DA SYFY

18 febbraio 2011

Gabbiani delle Stelle di Massimo Valentini

Gabbiani delle Stelle
Oggi volevo segnalarvi l'antologia "Gabbiani delle Stelle" scritta da Massimo Valentini e pubblicata da 0111Edizioni, una raccolta di quattro racconti appartenenti al Fantastico, racconti romantici su base fantastica per essere più precisi.
La lettura è consigliata alle giovani sognatrici, mi è stato suggerito che l'età giusta potrebbe essere dai sedici anni in sù anche se, a mio avviso, non c'è un'età vera e propria per il sentimento.
Non credete? ^_^
Ma ora veniamo ai singoli racconti con incipit e trame.

Il libro della vita
INCIPIT
Non sono più tornato a Svolvær, una delle città più popolose delle isole Lofoten, in Norvegia, perché ciò che ho visto laggiù mi ha scosso profondamente anche se ricordo quell’esperienza come piacevole. 
Con questo non voglio intendere di aver visto mostri, spettri o altre simili entità che sanno di folklore e soprannaturale, ma solo che sono rimasto impressionato da una vivida serie di sensazioni assolutamente inesplicabili. 
Questa storia inizia qualche mese fa quando ho affittato una piccola casetta completamente in legno, sistemata davanti un paesaggio mozzafiato che trovava la sua ragion d’essere nel magnifico sfondo dell’Higravstinden.

TRAMA: Un IO narrante anonimo (un turista) durante un'escursione in Norvegia trova un oggetto metallico, il libro della vita appunto. Su di esso leggerà la storia di un uomo che ha passato la barriera della vita impegnato a raccontare della donna amata dalla sua posizione al di là del tempo.
Panorama Norvegese, Higravstinden
Sull'Oceano del Tempo 
INCIPIT
È difficile spiegare il motivo del fascino che il mare esercita sull’animo umano. Questa sconfinata distesa liquida attrae l’uomo ma contemporaneamente lo respinge evocando sensazioni, delicate o terrificanti siano, sempre intense.

TRAMA: E' la storia della maledizione che colpì due amanti in una cittadina costiera, Greenfield. Condannato lui a essere una statua di giorno e lei una paradisea la notte, possono rivedersi solo in determinate occasioni. La protagonista è la lontana discendente di Leyla, la donna che il Destino ha designato come la sola in grado di spezzare l'antica maledizione.
L'immagine ha il solo e unico scopo di dare una "sensazione"
del racconto. Io l'ho presa QUI!

Il mare della memoria
INCIPIT
Il mormorio del mare nasconde segreti che pochi sono in grado di capire e decifrare. Presente dalla notte dei tempi esso è il grande guardiano delle memorie di vite intere, perse e ritrovate.

TRAMA: Il racconto narra di uno scrittore impegnato a trascorrere una vacanza in solitudine a Bluefield, per ritemprarsi dalle fatiche di un anno di lavoro. Passa le sue giornate nuotando e facendo lunghe escursioni sulla spiaggia. Un giorno la risacca gli porta un vecchio scrigno contenente un libro. Nel leggerlo apprende essere il diario di Annie, una ragazza scappata di casa perché stanca della continua oppressione familiare. Man mano che si addentra nel manoscritto, l'uomo scopre di condividere con lei sentimenti e pensieri ...

La donna che sussurra nel vento
INCIPIT
Il motivo che alcuni anni fa mi spinse a trascorrere un po’ di tempo in un faro norvegese è difficilmente definibile a parole. Non era solo il desiderio di trascorrere una vacanza, per quanto inusuale, a contatto con i frastagliati fiordi della Norvegia e neanche la voglia di passare in completa solitudine per sfuggire alla frenetica vita della società moderna ...

TRAMA: Siamo al faro di Tranoy dove il protagonista decide di trascorrere una decina di giorni in assoluto relax. La sua passione per l'astronomia e il mare, però, gli faranno vivere un'avventura oscura e mistica, soprattutto quando l'oceano si ergerà minaccioso contro il faro come se fosse coordinato da una misteriosa "figura di stelle" che sussurra nel vento il suo nome. 
Faro di Tranoy
Ecco fatto! Ora due notizie sull'autore.
Massimo Valentini è uno scrittore-giornalista nato a Cosenza, in Calabria, anche se si può ben dire che il suo luogo d'elezione sia il mondo e non un solo luogo geografico. Appassionato dal Sapere in tutte le sue forme, s'interessa di scienza, tecnologia e teoretica del pensiero umano.
Ha lavorato per diverse testate giornalistiche e attualmente collabora con alcune riviste attive nel campo della tecnologia e divulgazione scientifica.
Tra queste ultime è da segnalare "Il Giornale dei Misteri", prestigioso mensile che si occupa di tutto ciò che ha a che fare con l'insolito.
"Tutti e quattro i racconti sono sottolineati dal volo dei "gabbiani delle stelle", simboli di due persone realmente esistenti che attraverso queste storie raccontano, a loro modo, un amore senza tempo e libero dalle convenzioni umane." Massimo Valentini

I Gabbiani delle Stelle è il suo quinto libro.

-Alfa e Omega, edito da Falco Editore
-Ultima Thule, edito da Falco Editore
-Quattro ombre azzurre, edito da 0111 Editore
(sono racconti di fantascienza, potete leggere qualcosa QUI!)
-Sulle ali di Althaira, edito da 0111 Editore



In Bocca al Lupo, Massimo ^_^



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...