24 dicembre 2013

Buon Natale ^_^

BUON NATALE!

Un fortissimo abbraccio e un sincero augurio per 
un lieto e sereno BUON NATALE!

5 dicembre 2013

[concorso racconti] Limana Umanìta e Scriptorama

[concorso racconti] Limana Umanìta e Scriptorama 
COMUNICATO STAMPA

Limana Umanìta e Scriptorama 
a caccia di racconti fantastici per la pubblicazione
I mondi del fantasy alla quarta edizione
Una nuova chiamata per gli scrittori italiani con il bando di IMDF IV

Con la pubblicazione domenica 1 dicembre, sul forum ufficiale, del nuovo bando di concorso, torna l'atteso appuntamento con “I mondi del fantasy”. Per chi ancora non lo conoscesse, “I mondi del fantasy” (IMDF in breve) è il premio letterario a cadenza annuale indetto dalla casa editrice Limana Umanìta in collaborazione con l'agenzia di consulenze editoriali Scriptorama, per racconti brevi (massimo 18.000 battute spazi inclusi) in qualsiasi salsa fantastica: dal new weird all'epic, dall'horror alla fantascienza classica; ogni edizione si conclude con la pubblicazione in antologia dei migliori racconti selezionati. 
La selezione delle opere per questa quarta edizione del concorso rimarrà aperta fino al prossimo 31 maggio 2014. Il BANDO può essere consultato QUI!; mentre su Facebook è possibile trovare il gruppo dedicato al premio QUI!.

4 dicembre 2013

[film] Hunger games - La ragazza di fuoco

[film] Hunger games - La ragazza di fuoco


Più che "ricorda chi è il tuo nemico", in Hunger games (La ragazza di fuoco) si dovrebbe dire "ricorda chi è il tuo stilista".
In questo secondo capitolo della saga, della durata di due ore circa, si trascorre un'ora e trenta (lo ridico 1.30 !!!) in compagnia di pizzi, parrucche e vestiti d'alta moda, oltre che cene, parate, interviste e altro ancora. Ero così disorientata che per un momento ho pensato di aver sbagliato sala e di assistere al secondo capitolo de "Il diavolo veste Prada".


E anche se io adoro il genere chick lit, e abbia amato la Streep nel film omonimo, se volevo vedere quel genere andavo in un'altra sala. 
Invece no!

25 novembre 2013

[film] Riddick (2013)

[recensione] Riddick
Riddick
Il terzo capitolo della saga di Riddick era più che atteso, era supplicato!
Io aspettavo questo film con tale emozione che non so come descriverla. Quando nel 2000 ho visto Pitch Black sono rimasta a dir poco affascinata dal personaggio di Riddick e, come me, credo tutti quelli che lo hanno visto.
Era nuovo, diverso in quanto antieroe, forte, solitario, con un umorismo che io ho adorato fin dall'inizio, e gli occhi... quegli occhi da gatto su un uomo che se nesta in agguato, come fa sempre del resto, sono stati un'idea grandiosa. 
«There's a new reason to be afraid of the dark.»
Recitava lo slogan
(C'è una nuova ragione per avere paura del buio.)
Ma Pitch Black era anche un bel film nel senso più ampio del termine:
-buona regia
-ottima fotografia
-buona recitazione
-trama originale
Un film uscito un po' in sordina e a basso costo, ma grazie al passa parola, divenuto sempre più popolare fino a renderlo di culto.
Poi, è esploso con Le Cronache di Riddick nel 2004.
Non vedevo un film di fantascienza così superbo da tempo. L'ho amato e rivisto un'infinità di volte. 
La storia soprattutto, mi era piaciuta. Una ricostruzione del passato di Riddick convincente, il Furyano sopravvissuto allo sterminio dei Necromonger. Sapeva di epico. Magnifico!

23 novembre 2013

[film] Thor: the dark world

[recensione] Thor: the dark world
Marvel
Thor: the dark world è migliore del precedente, ma è "carino" e non è un bene considerando che si sta parlando di THOR! Un Dio! ...
Non so se ultimamente sono io che vado a vedere film sfortunati, oppure sono proprio i film stessi che per certi versi mi deludono. Presto recensirò anche Riddick e Elysium che hanno subito la sorte di Thor: arricciata di naso e labbra.
Per tutti, la reazione è stata simile:
-tecnicamente perfetti (effetti speciali, sonori e fotografia)
-recitazione ottima
-regia buona
-3D accettabile, anche se ormai si parla più di profondità che 3D vero e proprio

23 agosto 2013

[self publishing] Collana Imperium

[self publishing] Collana Imperium



Dopo il primo post sul nuovo volto dell'editoria, ho pensato di farvi conoscere anche un altro tipo di approccio sul self: un editore web.

Se autoprodursi è un lavoro, pensate a promuovere anche il lavoro di un altro quanto sia complesso.
E' il caso di Diego Bortolozzo che con la Collana Imperium ha avviato un progetto editoriale di settore per lanciare anche altri scrittori oltre ai suoi lavori.
Al momento ha in attivo ben 11 collaborazioni: Marco Alfaroli, Claudio Cordella, Lorenzo Crescentini, Barbara de Carolis, Maria Teresa de Carolis, Alessando Forlani  (Premio Urania 2011), Paolo Mari (illustratore), Simone Messeri, Enzo Milano, Vlad Sandrini e Aurora Torchia.
E prossimamente lancerà anche degli ebook di saggistica.
Per chi volesse sottoporre i suoi lavori, non ha che da contattare Diego Bortolozzo (curatore) sul sito o su Facebook, che gentilmente ha risposto ad alcune domande.

1-COME NASCE LA COLLANA? 
Nel 2011 decisi di pubblicare dei racconti in ebook, con lo scopo di testare il mercato, in via di crescita anche in Italia. Nel 2012 iniziai a puntare molto su questo tipo di pubblicazione, coinvolgendo, verso fine anno, altri autori. Collana Imperium è il nome dato a questo gruppo di autori e alle loro opere autoprodotte.

Nessuno in pericolo – di Vlad Sandrini – Collana Imperium
TRAMA: In una Milano su tre livelli pattugliata da soldati in grigio, un ingaggio improbabile spunta sul terminale di Sicurezza Privata Brembo.“Sono in pericolo. Pago 30k. H 1130 rottamatt.” Tra terrorismo, arresti sommari e la difficoltà di leggere la vista di un androide, questo caso si fa sempre più sfuggente per il giovane scaltro Xie Ping. Un fanta-thriller ricco di colpi di scena che terrà il lettore incollato al libro (elettronico!).

20 agosto 2013

[fiere] Lunatica 2013

Comunicato Stampa

Anche quest'anno, si terrà LUNATICA, la prima fiera del fantasy del Sud Italia, presso le Manifatture Knos di Lecce il 7 e l'8 settembre.

Torneranno i workshop proposti dalla Lupiae Comix, scuola del fumetto di Lecce e i GdR del team di Acchiappasogni. A queste realtà, ormai storiche per Lunatica, si aggiungono quest'anno Labo Fumetto, Mondo di Meraviglie, Manvel Cosplay e i workshop di Luciano Gigante (lingua e cultura giapponese). 

Non mancheranno le presentazioni letterarie: a Francesco Falconi, autore di Muses per Mondadori e ospite d'onore di Lunatica 2013, si aggiungeranno le presentazioni di due romanzi fantasy pubblicati da Plesio Editore, Dark Rock Chronicles di Marco Guadalupi e L'ultimo Khama di Stefano Noventa, dell'antologia di beneficenza Storie di Confine (Wildboar Edizioni) a cura dell'associazione culturale Terre di Confine, del romanzo di Monica Cucinelli L'isola del vento e del saggio di Antonella Albano Vampiri, maghi e supereroi. Metafore e percezione morale nella fiction fantastica. 

Ritorna la Caccia al Tesoro di Lunatica organizzata dal Reparto Scenografico, mentre saranno ben due le gare Cosplay, di cui una Original (qui e qui gli eventi su Facebook). Nel corso della fiera verrà inoltre proclamato il vincitore del Lunatica Video Cosplay Contest. Tornano anche i laboratori espressivi diretti alle cooperative sociali a cura del Reparto Sociale di Lunatica. Non mancheranno dimostrazioni pratiche di Kaijutsu e Kenjutsu a cura di Marco Spedicato e del Toraki dojo e di Muggle Quidditch a cura del Lunatica Quidditch Club


Quest'anno Lunatica ospiterà la mostra One 4 All - I Moschettieri dell'Arte Fantasy Italiana in collaborazione con Lucca Comics & Games Srl. Lucio "Athos" Parrillo, Paolo "D'Artagnan" Barbieri, Dani "Porthos" Orizio e Luca "Aramis" Zontini reinterpretano il mito del Dream Team, una miscela che amalgama amicizia, passione, esperienza e fantasia in un percorso creativo che evoca le emozioni dell’intramontabile storia dei moschettieri di Alexandre Dumas. Il progetto nasce da un'idea di Emanuele Vietina e ha dato vita a un artbook da collezione a cura di Image FX.

7 agosto 2013

[manga+anime] Berserk - L'epoca d'oro I: L'uovo del Re dominatore (ベルセルク 黄金時代篇Ⅰ 覇王の卵)

Berserk - L'epoca d'oro I: L'uovo del Re dominatore (ベルセルク 黄金時代篇Ⅰ 覇王の卵)


Il manga ormai entrato nella leggenda, Berserk, è nuovamente protagonista con tre film digitali di altissima qualità.
Berserk L'epoca d'oro I: L'uovo del Re dominatore (ベルセルク 黄金時代篇Ⅰ 覇王の卵)
Berserk L'epoca d'oro II: La conquista di Doldrey (ベルセルク 黄金時代篇Ⅱ ドルドレイ攻略)
Berserk L'epoca d'oro III: L'avvento (ベルセルク 黄金時代篇III 降臨)

Li ho visti tutti e sono fantastici. Mi hanno a dir poco entusiasmata.
Ho pensato di dedicare un post ciascuno con un leggero confronto con i manga e la precedente serie a puntate, edita per l'Italia da Yamato Video come per i film in questione. 

Due brevi cenni sul manga e la serie tv.
Il manga arriva da noi nel lontano 1996, da allora la "serie regolare" è stata tradotta da Panini ed è ancora in corso (devono uscire il numero 73 e il 74). Segue la produzione originale giapponese del mangaka Kentaro Miura.
Purtroppo, non potendo ristampare lo stesso volume, hanno ben pensato di "creare" sempre nuovi volumi e formati e così abbiamo il Collection, il Maximun, il Collection Nero ... e sono curiosa di vedere in futuro.
Le primi traduzioni erano a dir poco maccheroniche con ribaltamenti bizzarri. Comunque, oggi saranno certamente migliorati, ma per chi come me ha iniziato Berserk nel '96 certo non compra i "collection & Co.".
In favore, anche la serie regolare è migliorata.

La cover di Berserk 1 - serie regolare -
Era "bruttina" e i disegni non erano gran cosa...
Però, s'intitolava "Berserk" e solo per questo l'ho comprato.
Da giocatrice di D&D, potevo forse resistere? ;)
I primi numeri mostravano già Gatsu in versione Guerriero Oscuro che cercava i 5 della Mano di Dio. Era orbo da un occhio e con un braccio "meccanico", e portava una spada ammazza-draghi che subito m'ha strappato un ghigno.
Ho pensato: "Appena mi va in berserk, chissà che macello con questo spadone. :D"

1 agosto 2013

[self publishing] Il nuovo volto dell'Editoria

[self publishing] Il nuovo volto dell'Editoria


Il self publishing è un secondo lavoro, non è un semplice hobby. 
Gli autori auto-pubblicati ricoprono le mansioni di una Casa Editrice "al completo", compreso il marketing. 

Non è mia intenzione dilungarmi sui vari perché uno decida di affrontare la strada più difficile, non siamo tutti uguali e ognuno di noi sbarca nel self con un approccio diverso e un bagaglio d'esperienze troppo vario per generalizzare. 
Per questo, proprio perché i motivi sono diversi, non è corretto etichettare tutti quanti i self come scrittori falliti, o peggio, rifiutati dall'editoria "cartacea".

Chi di solito scaglia la pietra infamante, non ha la coscienza pulita. ;)
Infatti, ci sono però 3 categorie che sputano sugli auto-prodotti, sugli ebook e sui nuovi editori web:
-quelli che pagano per avere il libro stampato rivolgendosi alle EAP che, ovviamente, ostacolano il self visto che viene meno il loro finto pedigree per ingannare i lettori (in Italia abbiamo circa 600 piccoli editori, conoscerli tutti è impossibile, quindi è facile vendere un libro con la dicitura "editore Pinco Pallo")
-quelli che comprano "sotto banco" le copie in tacito accordo con la clausola "che lo scrittore deve impegnarsi a vendere entro l'anno X copie" (CE a doppio binario, che non differiscono dalle EAP a conti fatti, ma per qualche motivo a me oscuro appaiono meno negative) 
-i raccomandati (amichetti di amiketti... o di persone importanti che sono etichettati "fenomeni" al primo romanzo a 15 anni perché sì!). Questi sono i più ipocriti e infami. Dicono no alle EAP (come se loro fossero immacolati) e mettono i loro ebook a prezzi assurdi per incentivare l'acquisto del cartaceo che, di solito, costa poco di più e dal quale traggono profitto.

Tutta questa finta e mediocre editoria se la sta vedendo molto male proprio a causa del self e dell'editoria web... ma che strano. Poverini, stanno vedendo il buio in fondo al loro tunnel dorato.
Oh, come mi dispiace. :D
Ho passato anni a far marchette...
Invece, quello che mi rattrista davvero, sono quei piccoli e medi editori onesti che non passano un buon momento (per non dire pessimo); vittime innocenti del profondo cambiamento che stiamo vivendo.

Per contro, molti self hanno avuto un riscontro di lettori tale da aver suscitato l'interesse di CE importanti; è il caso di Martin Rua che con il suo "Codice Baphomet" (un thriller esoterico) ha avuto migliaia di download, era sempre primo in Amazon ... e lo è stato a lungo.
Ebbene, Martin (che aveva però altri romanzi all'attivo e il pubblico lo apprezzava già da alcuni anni) uscirà in settembre con Newton con "Le nove chiavi dell'antiquario". Notevole, no?
E' un buon esempio di uno che ha mostrato con le sue sole forze che con costanza e impegno, si possono ottenere ottimi risultati.
Ma la Newton è una delle poche CE che gestisce gli ebook in modo eccellente, altre non sanno nemmeno cosa siano o peggio: li vedono come "il Male Digitale che distruggerà l'editoria"...

aaarrrgh!

27 luglio 2013

[recensione] Wolverine - L'immortale

[recensione] Wolverine - L'immortale 


Uscito nelle sale un paio di giorni fa, mi sono subito precipitata per vederlo ieri sera.
Wolverine - L'immortale (The Wolverine) è diretto da James Mangold e ovviamente interpretato sempre da Hugh Jackman

L'inizio è cupo e solitario, il nostro amico è tormentato dai ricordi su Jean (il film si aggancia all'ultimo X-Men senza però riprenderne le fila). La prima parte mostra da subito che il film parlerà solo del conflitto interno tra Logan e Wolverine. Infatti, quando uno (resto vaga così da non fare spoiler) gli chiederà il nome, lui risponderà: "Logan!". Un po' come se ripudiasse "Wolverine". E di fatti, tutto il film poggia su questo conflitto che da interiore diventa fisico, ma qui mi fermo.

NOTA: Strano caso, ma è molto simile a Iron Man 3. Temo che sia necessaria una terapia di gruppo dallo psicologo.
E poi quello con i "problemi" ero solo io, eh? :D
Si svolge in Giappone, che personalmente amo, e i co-protagonisti sono Giapponesi. E' quasi un Wolverine con le bacchette più che con gli artigli. :D

18 luglio 2013

[film] The bay - La baia

[film] The bay - La baia

!avviso di spoiler!

The bay (2012) è un horror, non è fantascienza. Purtroppo, è un horror vero non nel senso che è una storia vera, ma potrebbe accadere. 
Diretto da Barry Levinson, il film si apre con un giorno di festa (per essere esatti dal 3 al 4 luglio - Il Giorno dell'Indipendenza) per poi evolversi in un giorno di disperazione e morte. 

Nella cittadina di Claridge, nel Maryland, i cittadini divengono vittime della loro stessa baia dispensatrice di un parassita (il Cymothoa exigua) che, dopo una serie di "mutazioni" spiegate nel film, arriva a contagiare le persone. 

15 luglio 2013

[recensione] Labirinto di morte di Dick

Recensione
!Avviso di spoiler!
FANUCCI EDITORE
Cos'è reale e cosa non lo è?
In Labirinto di Morte di Philip K. Dick, il precursore del cyberpunk, il lettore viene portato a porsi questa domanda fino alla fine quando, anche dopo aver palesato la realtà, bastano poche righe per domandarsela ancora.

A maze of death, il titolo originale, è del 1968, ma pubblicato nel 1970 quando ancora nessuno parlava di realtà virtuale e di menti connesse a matrici. Nessuno, tranne Dick!
Un autentico genio visionario che ha creato opere uniche e innovative.
Lui creò la "fusione poliencefalica" ovvero una sorta di "connessione consensuale" a un mainframe molto sofisticato. Matrix vi dice nulla? Be', Dick già ne aveva tracciato le basi in questo suo romanzo ingiustamente (o forse volutamente, se vogliamo propendere per tesi alternative) tenuto nel sottobosco mediatico. Poco pubblicizzato e quasi ignorato.
Proprio per questo, ho deciso di inaugurare la Sezione Dick con Labirinto di morte, per rendergli giustizia.

E' mia intenzione recensire tutte le opere di Dick, nel tempo ovviamente.
Molti li ho già letti,  ma sono trascorsi diversi anni e li rileggerò per meglio cogliere quello che al tempo mi era sfuggito, un po' per mancanza di cultura in merito, un po' perché "leggevo senza spirito critico". Spirito positivo per cogliere messaggi e dettagli, non demolitivo in caccia di errori (preciso).

Quindi, intervallando con i consueti articoli di libri-cinema-serie, ogni tanto pubblicherò "un Dick" :)
Sperando sia di vostro gradimento, eccovi nel Labirinto di morte, una delle sue più cupe e claustrofobiche visioni. 
Una foto di Philip Dick col micio ^_^

12 luglio 2013

[recensione] Pacific Rim

[recensione] Pacific Rim


Pacific Rim è TITANICO!
Ecco in una parola cosa penso dell'ultima fatica di Guillermo del Toro

La sua passione per gli anime si vede in ogni inquadratura. I Jaeger sono enormi; robot di 90 metri che sembra fatichino a entrare completamente nello schermo. Mastodontici e magnifici, esprimono in ogni momento la potenza di un solo pugno che distrugge i grattacieli nel tentativo disperato dell'umanità, sotto assedio dai Kaijū (怪獣) ( i mostri "strani" di cui Godzilla -Gojira- è il capostipite) di restare in vita.

Godzilla vs. Gamera ^__^
(immagine presa qui)
I Kaijū hanno creato un portale interdimensionale sul fondo del Pacifico, da qui il nome del film, e come vuole la tradizione nipponica arrivano per distruggere e uccidere. Nel film c'è una spiegazione interessante, l'ho trovata gradevole, ma non ve la riporto così vi lascio la sorpresa.

11 luglio 2013

[libro+film] Krabat e il mulino dei dodici corvi

[libro+film] Krabat e il mulino dei dodici corvi


INCIPIT (esteso al primo capitolo)
Il Primo Anno
Il mulino nella palude di Kosel
Avvenne tra Capodanno e il giorno dell'Epifania. Krabat, un ragazzo allora quattordicenne, si era unito a due altri giovani mendicanti sorabi, e sebbene Sua Grazia Serenissima, il principe elettore di Sassonia, avesse vietato – pena gravi ammende – il mendicare e l'andar vagabondi in Codeste Contrade (ma per fortuna i giudici e i funzionari addetti all'uopo non lo prendevano troppo sul serio), si misero a girare come tre Re Magi di villaggio in villaggio nella regione di Hoyerswerda: come corone regali avevano corone di paglia sui berretti; e uno di loro, il piccolo e gaio Lobosch di Maukendorf, faceva il re moro, e ogni mattina si tingeva di nero con la fuliggine. Procedeva fiero davanti agli altri portando la stella di Betlemme che Krabat aveva inchiodato a un bastone.

Quando giungevano a una corte, mettevano Lobosch nel mezzo e cantavano: «Osanna al figlio di Davide!» o meglio: Krabat si limitava a muovere le labbra in silenzio, perché era giusto nel momento in cui si cambia voce. In compenso gli altri due Re Magi cantavano più forte, dimodoché l'equilibrio era ristabilito.
Molti contadini avevano macellato un maiale per Capodanno, e i re dell'Oriente ricevevano ricchi omaggi in salsicce e lardo. Altrove ricevevano mele, noci e prugne secche, talvolta panini al miele e focaccine allo strutto, pasticcini all'anice e stelline alla cannella. 
«L'anno comincia bene!» osservò Lobosch la sera del terzo giorno. «Così dovrebbe continuare fino a San Silvestro!» Le altre due maestà annuirono compassate e sospirarono. «Per quel che ci riguarda… magari!»
Trascorsero le notti seguenti a Petershain, nel fienile della bottega del fabbro; là avvenne che Krabat facesse per la prima volta quello strano sogno.
Undici corvi erano accovacciati su una stanga e lo guardavano. Krabat vide che al termine del lato sinistro c'era un posto libero sulla stanga. 
Poi udì una voce. La voce suonava roca, sembrava venire da lontano, dagli spazi, e lo chiamava per nome. Egli non osava rispondere. 
«Krabat!» risuonò per la seconda volta, e una terza volta: «Krabat!» Quindi la voce disse: «Vieni al mulino di Schwarzkollm, non te ne verrà danno!» Al che i corvi si rizzarono sulla stanga e gracchiarono: «Obbedisci alla voce del maestro, obbediscile!»


7 luglio 2013

[film] Man of Steel - After earth - WWZ

[film] Man of Steel - After earth - WWZ

Se sopravvivo a questo periodo di intenso lavoro, riprenderò i film di questo post e dedicherò loro il tempo che meritano, ma passano i giorni e tra un po' andranno pure via dalle sale, così intanto ho pensato di dirvi la mia opinione pura e semplice senza recensirli o analizzarli a fondo come mio solito.
Spero vi siano di aiuto qualora foste in dubbio.

MAN OF STEEL - L'UOMO D'ACCIAIO

Mi è piaciuto, molto anche.
E' un Superman insolito, duro da digerire per i veri fan, me ne rendo conto. Non so se sia giusto o sbagliato rivedere a tal punto un personaggio così ben radicato nei cuori e nelle menti del pubblico, ma rimane il fatto che "questo Superman" ha poco o nulla da spartire con il "vero Superman". 
Clark è un po' ribelle, leggermente rude e l'immagine che ho scelto è proprio per sottolineare quanto sia marcata la sua ricerca di adattamento fisico e psicologico sul nostro pianeta. Infatti, non c'è più "il fattore kryptonite" qui si parla di genetica e di riscrittura. 
Quindi o piace, o non piace. Temo che l'effetto sia drastico.

28 giugno 2013

BIO Cyberpunk: Quantum Fiction

BIO Cyberpunk: Quantum Fiction


BIO Cyberpunk è quantum fiction.

Sorpresa! Spero vi sia gradita. :)
Sembrava solo un cyberpunk, ma c'era di più. Non potevo dirlo prima, però. Anche perché nel primo volume, che ricordo essere meno della metà del romanzo completo, non c'è alcun accenno al discorso "quantum". E' solo nel secondo e conclusivo volume, di 367 pagine che arriva la Teoria M.

Comunque, tutto ciò che c'è da sapere lo troverete direttamente nel romanzo. Non è mia abitudine spedire il lettore a prendere il dizionario durante la lettura infrangendo così la promessa di "immersione in un altro mondo". Io spero di intrattenervi per tutto il tempo con un'avventura insolita, originale e "agrodolce". 

BIO Cyberpunk, nella sua completezza di quasi 700 pagine, è a tratti divertente, ma anche tragico. 
Parla di una fuga da un controllo mentale oltre che fisico. 
Di tormenti e di un costante senso di incompletezza che non lascia mai il protagonista Bio. Parla di realtà virtuale, ma non è come in Matrix e nel 2 sarà chiaro nella sua agghiacciante scoperta di cosa sia davvero la Matrice LIMBO

26 giugno 2013

[libro] I racconti di Behcet di Protopapas

[libro] I racconti di Behcet di Protopapas

Intervista/segnalazione

I Racconti di Behcet è un'antologia horror che comprende 7 racconti scritti da Michele Protopapas edita da Antipodes. QUI il sito.

Prima di lasciarvi agli incipit dei racconti e alle domande che Michele ha gentilmente risposto, riporto dalla prefazione cos'è il "Behcet": 
La sindrome di Behcet è una patologia rara di origine autoimmune, multifattoriale, che provoca stanchezza cronica, febbri ricorrenti, spossatezza, afte, artriti e nei casi più gravi può portare gravi conseguenze a livello di ogni organo ed apparato tra cui cecità, sindromi neurologiche o gravi quadri di dolore cronico per interessamento muscolo-scheletrico. Il suo esordio avviene prevalentemente nell’età che va tra i 20 ed i 30 anni ed è ovviamente una malattia cronica.

SIMBA Onlus cerca di sensibilizzare l'attenzione verso questa malattia. Il titolo dell'antologia vuole portare il lettore a conoscenza di questa realtà difficile.
Realtà che vive lo stesso autore, ma sarà lui stesso a parlarcene.

Pronti? Si parte ...
Ecco gli INCIPIT

I MENDICANTI DI BRESLAVIA 
Sylvie Chambray uscì di corsa dall’ufficio in cui lavorava. 
Nonostante avesse da poco compiuto i trent’anni, era già la responsabile delle pubbliche relazioni della sede polacca di  Breslavia per la “Visage”, una grande multinazionale di cosmetici. Sperava un giorno di entrare a far parte del consiglio di amministrazione della sede centrale, a Parigi, ma intanto doveva dimostrare di saper prendere decisioni importanti e far aumentare, col suo lavoro, gli utili di quella piccola sede distaccata. 
Era sempre stata una ribelle e per seguire il sogno di questa carriera, Sylvie non si era preoccupata di dover lasciare la propria famiglia, né la propria nazione, e neanche di
dovere imparare in poco tempo, con difficili corsi serali, una lingua talmente difficile come il polacco.

14 giugno 2013

[film] Star Trek - Into Darkness

[film] Star Trek - Into Darkness


Sono uscita dal cinema entusiasta, a dir poco. I motivi sono tanti, ora ne accenno qualcuno generico, poi vado nello specifico, ma metterò l'avviso di spoiler perché FIDATEVI: andate a vederlo senza leggere nulla prima. Il consiglio vale soprattutto se siete appassionati di Star Trek del grande Gene Roddenberry.

Quello che posso dire senza rovinare la visione:
-trama eccellente sia per svolgimento che spessore
-effetti notevoli e perfettamente integrati 
-recitazione ottima
-buon tenore. L'azione è protagonista, ma ci sono dei momenti umoristici fantastici. 
-la scelta del cast si conferma vincente
-gli scenari sono favolosi
... insomma è davvero un ottimo prodotto d'intrattenimento sia per chi conosce l'universo di Star Trek che per i neofiti. 

Andate! Andate! :D
Bene, ora metto l'avviso.

!!!AVVISO DI SPOILER!!!

Leggete solo se avete già visto il film!

L'inizio è action!
Vediamo il Capitano Kirk e Bones alle prese con una razza "primitiva" sul pianeta Nibiru. Per salvare la popolazione dall'eruzione di un vulcano, Spock è pronto al sacrificio ma Kirk infrange la Prima Direttiva per salvarlo. "Le esigenze dei molti, contano più di quelle del singolo."
La frase è famosa per chi conosce la classica e i 6 film con i mitici William Shatner (Amm. James T. Kirk), Leonard Nimoy (Com. Spock), DeForest Kelley (Dott. Leonard "Bones" McCoy), James Doohan (Com. Montgomery Scott), George Takei (Ten. Com. Hikaru Sulu), Walter Koenig (Ten. Pavel Chekov) e Nichelle Nichols (Ten. Com. Uhura).

Infatti, la frase richiama il secondo film della classica "L'ira di Khan" e un fan potrebbe essere acceso da un'idea ;) ...

7 giugno 2013

[web] What Women (don’t) Want

What Women (don’t) Want 

il web contro la violenza sulle donne
UN SUCCESSO DELLA RETE CON 3 MILIONI DI CONTATTI


“Quello che facciamo è solo una goccia nell'oceano, ma se non lo facessimo quell'oceano avrebbe una goccia in meno” 
(Madre Teresa di Calcutta)

124 donne uccise nel 2012 a causa delle violenza di genere, di cui l’85% dal compagno o ex-compagno; più di 30 donne uccise dall’inizio di quest’anno. Questi i dati allarmanti di un fenomeno che si sta pericolosamente espandendo: quello della violenza sulle donne. Un orrore che sembra non aver mai fine. Un rumore di fondo che ha ormai superato i confini tra lecito e illecito, in un Paese in cui le donne non vengono tutelate dallo stesso Stato.

13 maggio 2013

[spazio] Comandante Hadfield canta Space Oddity


MOMENTO SPAZIALE!

Il Comandante Hadfield canta "Space Oddity" (indimenticabile canzone di David Bowie) dallo spazio... e io mi sono commossa.
Trovate il video QUI! 

9 maggio 2013

[libro] Vernice fresca di Antonio Grassi

Segnalazione/Intervista
DORNETTI ED.
Antonio Grassi esce col suo nuovo romanzo "Vernice Fresca" edito da Libreria Dornetti Editore, un thriller sullo sfondo di una guerra biologica.

Giornalista e scrittore cremasco, è laureato in Scienze biologiche. Prima di dedicarsi al giornalismo a tempo pieno (quotidiano "La provincia" di Cremona), ha lavorato per una multinazionale farmaceutica. 
Vernice fresca è il quarto romanzo, dopo "Macramé", "L'erba del diavolo" e "Il cuore batte ancora". Ha scritto anche due pamphlet "Terre di frontiere: Golflandia" e altre storie su questioni ambientali nel Cremasco e "Forte Apache" sull'inceneritore di Cremona.

L'autore, Antonio Grassi
Di solito, non tratto sul blog thriller per non uscire dal settore fantasy-fantascienza, anche se li leggo. In questo caso, però, ho fatto un'eccezione perché Grassi espone un argomento interessante e molto attuale: il BIOPREPARAT. Altro argomento degno di nota è: l'INGEGNERIA GENETICA, cloni e replicanti.

Non male, eh?
Allora, espongo il Prologo e l'Incipit in versione estesa per mostrarvi lo stile di Grassi, a mio avviso molto curato e particolare. Poi, riporto la trama di quarta e a seguire le 3 domande all'autore, che ha accettato l'intervista. 
Enjoy!

4 maggio 2013

[film] Hansel e Gretel - Cacciatori di streghe

Recensione

Dopo le delusioni di Biancaneve (Mirror Mirror e Snow White), Cappuccetto Rosso Sangue, Beastly, e Alice di Burton (dove qui però salvo le splendide immagini), sono andata a vedere l'ennesima trasposizione cinematografica di una fiaba.
Questa volta è Hansel e Gretel in versione cacciatori di streghe interpretati da Jeremy "Occhio di Falco" Renner e Gemma Arterton (Prince of Persia e Scontro tra Titani) con la regia di Tommy Wirkola e UDITE UDITE: MI E' PIACIUTO!

27 aprile 2013

[film] Iron Man 3

Recensione

Più che Iron Man, il film è su Tony Stark interpretato sempre da Robert Downey Jr. (e chi altri?).
In questa pellicola diretta da Shane Black (sì, proprio Hawkins quello che in Predator raccontava barzellette) il protagonista non è il solito eccentrico filantropo miliardario Tony, ma l'uomo reduce dall'epico scontro con dèi e alieni (The Avengers).
Siamo ben lontani dal magnifico primo film, sebbene a livello tecnico sia un ottimo prodotto. Non abbiamo nemmeno una trama corposa, bensì una storia abbastanza semplice che partendo sa un episodio del passato di Tony, si riaggancia al presente incastrando anche l'amata Pepper.


20 aprile 2013

[ebook] D-ICE estratto

Estratto da D-ICE
Immagine dal mio Tumblr 

Al Palazzo del Rinnovo arrivo ansimante, ma prima del termine ultimo. Le barriere si chiudono poco dopo il mio passaggio, come veline scendono e deformano la piazza con la statua di bronzo di un gigante che poggia la mano sulla spalla di un uomo come fosse un bambino.
Il pavimento di marmo è lucido e le suole stridono. C’è un concerto di suole ogni mattina che echeggia tra le alte navate di quello che un tempo era il simbolo dell’ottusità umana. Della confusione insita nel dubbio che opprimeva tutti. Tanti profeti e credi incoerenti e imperfetti.
L’arrivo di Nibiru ha salvato gli uomini dall’estinzione e quel momento storico è stato immortalato in un affresco sul soffitto. Lo ammiro ogni mattina passando il controllo. Le nuvole infuocate dietro le astronavi lunghe e affusolate, la folla impietrita che fissa il cielo mentre un umanoide discende avvolto dalla luce della conoscenza universale.
Uniti nel credo di Nibiru, il mondo è rinato.
Lo scanner segnala la mia conformità ai parametri stabiliti di corpo e mente. Libera dai dubbi, passo oltre anche se una nuova fitta alla nuca mi rovina il momento. Sospiro e procedo oltre. Non durerà per sempre, ma non ci voglio pensare adesso.
Io vivo per Nibiru, in fondo.

16 aprile 2013

[ebook] D-ICE di S. Baldin

Segnalazione racconto fantascienza
Cover originale di S. Baldin
INCIPIT
D-ICE congela il sonno portandoti nel delirio di un mondo dove il cielo è azzurro. 

TRAMA: 215 lavora come Archivista al Palazzo del Rinnovo, e ama Nibiru. Vive per Nibiru in una Milano alternativa dove sono monitorizzati anche i sogni e cancellati perché ritenuti sbagliati.
215 segnala per il lavaggio l’ennesima mente corrotta, ma quando cerca di scollegarsi non ci riesce. Il soggetto indagato la porta in un “luogo” dove una creatura aliena spaccia dei cubi blu cristallizzati.
Un racconto distopico per vedere oltre le nubi. (Questa trama è stata rivista e aggiornata con quella nuova il 17 aprile. E' riportata a fine post. Grazie e scusatemi per il disagio.)

In tutti gli ebook store a soli 0,99 centesimi.

13 aprile 2013

[film] Oblivion

Recensione

Oblivion è il nuovo film di Joseph Kosinski (Tron) con Tom Cruise, Olga Kurylenko, Andrea Riseborough, Morgan Freeman, Melissa Leo, Zoë Campana e Nikolaj Coster-Waldau.
E' un post apocalittico con una venatura cyberpunk metafisica stile Philip K. Dick. La trama non è così semplice come può apparire all'inizio. C'è una lenta preparazione, infatti, che depista dal vero tema del film: l'oblio di Jack 49.

Parto con un sunto dell'ambiente in cui si svolge la storia, viene narrato dallo stesso protagonista all'inizio del film perciò ancora non metto l'avviso di spoiler, comunque se non volete sapere nulla prima della visione, consiglio la lettura delle sole conclusioni.


Ambientazione: Dopo 60 anni dall'attacco alieno che ha distrutto la luna, creando una serie di eventi/cambiamenti climatici catastrofici per il pianeta, gli ultimi uomini sopravvissuti si sono rifugiati su Titano, luna di Saturno. Per sopravvivere, la colonia terrestre ha bisogno di energia. Quest'energia gli viene fornita da gigantesche turbine che proprio Jack 49 e Victoria (gli ultimi due umani rimasti sul pianeta, dopo spiego nel dettaglio i personaggi) insieme a droni con mitragliatrici d'assalto sorvegliano con duplice scopo: manutenzione e protezione.
Anche se la guerra è stata vinta, gli "alieni", chiamati Scavengers, non si arrendono e tentano in continuazione di sabotare le turbine. Quindi Jack 49 rischia di essere ucciso ogni giorno.
Lui e Victoria abitano in una casa-rifugio sopra le nuvole. Protetti, ma anche isolati.
Mentre Jack 49 cerca di ritornare sano e salvo a casa la sera, Victoria resta comoda al suo pannello di comando e attende istruzioni da Sally, unico referente col Teth: una base orbitante abitata a forma di piramide che funge da collegamento con Titano. 
Quando avranno finito con l'estrazione di energia, anche Jack e Victoria andranno sul Teth per ricongiungersi con gli ultimi uomini per poi andare su Titano. E a questo sospirato momento mancano solo 2 settimane.

Se vi suona tutto un po' strano, è giusto che sia così. Deve esserlo. 
L'analisi dei personaggi chiarirà.

Mio parere su questo aspetto: gli scenari sono maestosi e sublimano lo spettatore della forza della natura che, anche dopo le esplosioni atomiche, mostra gli avanzi della vecchia civiltà dell'uomo fondendoli in un connubio di decadenza e rinascita al contempo. Pura poesia visiva.

12 aprile 2013

[anime] Akira ritorna al cinema!

AKIRA
Per il 25° anniversario del capolavoro di Katsuhiro Ōtomo, AKIRA ritorna al cinema!
E' recente la diffusione del tam tam della Dynit e Nexo Digital che hanno ben pensato di riproporre lo spettacolare Akira del 1988. 
L'evento sarà per un solo giorno, purtroppo: mercoledì, 29 maggio.
SEGNATEVI LA DATA! :)

LOCANDINA DELL'EVENTO STORICO!
Che dirvi su Akira?
Trama e altro li trovate ovunque, anche su WIKI, perciò ho pensato di dirvi brevemente la mia "odissea" così capirete perché mi precipiterò al cinema senza esitare. ^_^ 
E quello che vi racconterò, non credo lo riportino in molti ...

11 aprile 2013

BIO Cyberpunk: Matrice Limbo, l'immortalità della mente

Estratto da www.biocyberpunk.com
L1MB0
BIO Cyberpunk non è solo la storia della fuga di Bio, dell’amore per la sua Michela e della sua ricerca della verità. Delineo anche un ipotetico futuro, distopico per certi versi, in cui la mente e l’anima sono la stessa “cosa”. In cui è possibile continuare a esistere come “entità” in rete. In cui la multinazionale SHIBA è andata oltre i confini dell’etica e ha trovato l’anima.

L’anima risiede nella mente.

La Shiba controlla la mente e la “riprogramma” … e la confonde.
BIO Cyberpunk è anche questo: comprensione di ciò che siamo per liberarsi dal controllo.

Se vi interessa, ecco il link all'articolo sul sito dedicato al mio romanzo:
BIO Cyberpunk: Matrice Limbo, l'immortalità della mente

10 aprile 2013

[arte] Lucio Parrillo al Florence Fantastic Festival

Comunicato Stampa
Vampirella and all related names and likenesses are ® & © 2013 DFI.
All rights reserved.
Lucio Parrillo presenta la sua opera tributo
per la prima edizione del Florence Fantastic Festival

Il giovane artista italiano di fama internazionale, presente al Florence Fantastic Festival come coordinatore del Quartiere degli Artisti, svela l’opera realizzata come omaggio alla prima edizione della  manifestazione.

Firenze – 8 aprile 2013. Uno scontro aereo di Vampirella che combatte nei cieli di Firenze. Ecco il soggetto dell’incredibile illustrazione che Lucio Parrillo ha realizzato in occasione della prima edizione del Florence Fantastic Festival, la manifestazione dedicata al Fantasy che dal 10 al 12 maggio invaderà la stupenda cornice della Fortezza da Basso di Firenze. L’opera tributo verrà utilizzata nelle affissioni e nei materiali promozionali della fiera.

Lucio Parrillo è un disegnatore di fama internazionale che nel suo portfolio annovera copertine per Marvel Comics (Iron Man, L’Incredibile Hulk, Thor), copertine per le serie di Vampirella e Red Sonia, Artwork per diversi videogiochi e lavori per le carte di Magic The Gathering.

4 aprile 2013

[Goldrake] ALABARDA SPAZIALE!

UFO Robot Goldrake (UFOロボグレンダイザー, UFO Robot Grendizer
Era il 1978 quando l'anime UFO Robot Goldrake giunse da noi in Italia, cambiandoci per sempre.
Solo la sigla divenne protagonista nelle radio e vendette oltre 1 milione di 45 giri. 

78 episodi sul Principe del pianeta Fleed, giunto sulla Terra in seguito al disperato tentativo di resistere all'invasione di Re Vega. Salvato dal dottor Procton, e vestito di una nuova identità, Actarus vivrà un periodo di pace fino all'arrivo delle forze di Vega che intendono sottomettere anche il nostro pianeta.

Actarus piloterà ancora il Goldrake, il superbo robot da battaglia grazie al quale era riuscito a fuggire da Fleed, e combatterà con noi. 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...