28 novembre 2016

[app-social-tecno] Periscope: ovvero un occhio diretto sulla società e sull'uomo


Per chi non conoscesse l'applicazione Periscope, oggi ve ne parlo io. Non solo come accenno, ma nelle funzioni con i pro e i contro e anche qualche aneddoto bizzarro.

Intanto, cos'è Periscope: un'app. che si può scaricare sugli smartphone. Sul computer esiste una versione web www.periscope.tv ma non è ancora possibile lanciare le dirette, almeno non a oggi.
Perdonatemi se sbaglio qualcosa, ma cambiano in fretta e stargli dietro è un lavoro a tempo pieno.

Io l'ho scoperta un anno fa circa e la uso con un "nickname" per mia tutela, dopo vi dirò meglio.

Cosa fa Periscope: è facile da capire e facile da usare. Apri l'app. Ti metti davanti alla telecamera, lanci la diretta e vai in streaming col tuo smartphone. Per fare questo è necessario avere la localizzazione attiva, in pratica tutti sanno da dove stai trasmettendo. 
Dopo l'acquisto da parte di Twitter, puoi lanciare un tweet per dire ai tuoi followers che sei in diretta così da avere maggiore risalto.

Cos'è una diretta: hai presente il TG? Più o meno siamo lì. Quello che lancia la diretta parla e mostra quel che vuole, senza limiti e senza censure...
Durante la "trasmissione" tutti coloro che si collegano a te possono lasciare dei commenti come su FB o Twitter, e la persona in diretta li può leggere, commentare o anche ignorarli.
In effetti, prima del lancio della diretta, c'è l'opzione per fare in modo che gli utenti ti vedano ma che non possano commentare. 

Suggerimento: Se fai la diretta, metti lo smartphone orizzontale perché almeno potrai leggere meglio i messaggi (e anche quelli collegati saranno agevolati nella lettura), altrimenti saranno resi confusi dal video.

In pratica, cos'è la diretta se non un lunghissimo "selfie"? 😂

Per concetto, è simile a Snapchat (ma senza tutti gli optional di scrittura e di manipolazione dell'immagine), o la recente scopiazzatura di Mark WWZ in Instagram (Le Storie).

La cosa "carina" sono i cuoricini (sono ironica). Durante la diretta, gli utenti collegati possono commentare, oppure clicclando sullo schermo regalare tanti cuoricini per apprezzamento. 


La magnificenza dell'idea: a mio avviso è incredibile sia per la facilità di utilizzo che la rapida reazione degli utenti. C'è un sistema fantastico con cui si possono trovare le dirette attive, perché quando chiudi una diretta questa resta "ma solo per 24 ore circa" poi sparisce. 
C'è il mappamondo e i puntini rossi e tu puoi spostarti con facilità sulle dirette e vedere che succede con un semplice click sul pallino rosso.

Oppure, guardare dirette concluse.

Io l'ho fatto e posso dirvi che l'effetto "diretta" è molto forte, anche perché se lanci un messaggio e l'altra persona ti risponde è pazzesco. Entusiasma davvero.
Ho parlato con persone sparse nel mondo comodamente seduta sul divano, giuro. Un sensazione incredibile.

Dopo però i primi momenti euforici, ho compreso la "pericolosità" nascosta e il fatto che, alla fine, le dirette sono tutte simili.

Esempi di diretta
- ragazza/ragazzo che si annoia e dice "mi annoio..." e attende che qualcuno si colleghi per parlare. Di che cosa? Non ha importanza. Viva la fantasia. 

- ragazza che pesca in cerca "del solito affamato" per poi farsi pagare per mostrare "quel solito" in una successiva (e privata) chat perché questi affamati sembrano non accontentarsi del 90% della rete dedicato al porno. Stenderei un velo pietoso, ma sono davvero tante e tanti (perché ci sono anche molti ragazzi che pescano altri ragazzi o ragazze...) È un mare nel vero senso del termine. 😁

- donna che cucina. Sembra una stranezza, ma è così. Ho visto parecchie casalinghe, ma anche ragazze che cucinano e che, per un motivo che solo loro sanno, lanciano la diretta mettendo il telefono sul tavolo. Così lo spettatore fissa la schiena di queste tipe che si spostano da un fornello al frigo per poi armeggiare con padelle e altro... 
La più divertente è stata una donna a Los Angeles; questa s'è fatta i tacos alle 2 di notte e li ha pure mangiati sempre in diretta. Io entravo e uscivo per la noia esagerata, ma lei era sempre lì che parlava con due in particolare. Ha fatto 3 ore di diretta! OMG!😲 

- tizio che va in palestra e fa tutto in diretta... nuovamente LA mi sorprende con le palestre aperte anche di notte e per questo noi qui in Italia ci possiamo guardare gli allenamenti in tempo reale... mha! 😛

- gruppi di amici che ballano in discoteca, fanno i party a casa e si drogano. Già, avete letto bene. Ho visto proprio gente farsi di "tutto"... anche proporre a chi fosse nei pressi, di andare da loro. Incredibile! 

- orgette varie (ma non tanto spinte), o comunque scenette sexy dove la cosa più comune era la richiesta di mostrare la lingua e i piedi (una manna per i feticisti, suppongo).

- tizi che fanno sesso. Eh, che vi devo dire. M'è capitato anche questo. 🙈   

- tizi in cazzeggio puro, non sanno che fare e lanciano le dirette.

- tizi che mangiano, bevono... studiano.

- e, infine, alcuni VIP, che fanno le cose già descritte. 

Insomma, tanto potenziale sprecato. 


Per fortuna, non sono tutti uguali e col tempo ho imparato a scegliere le dirette e ho visto un tizio a Hong Kong che mostrava il mercato nascosto dei libri censurati dalla dittatura politica, per esempio. Si aggirava nei sottoscala e nei lati nascosti, dietro i palazzi; ho provato anche una certa apprensione, lo ammetto. Tizi che mostrano panorami poco conosciuti e s'improvvisano a Giacobbo (Voyager), io comunque li apprezzo. Almeno c'è l'intento di creare un contenuto istruttivo. 

Ma soprattutto, ho assistito al colpo di stato in Turchia! 

Ecco, in questi casi, Periscope ha tirato fuori il meglio che quest'app potrebbe dare. 
Un occhio in diretta e da chiunque sia presente in quel momento all'evento in corso.

Poi, altri esempi sono lavorativi e di promozione. Se ci sono fiere o eventi o convention è anche interessante assistere a delle dirette dal backstage, per dire. Ovviamente deve interessare l'argomento. Una diretta dalla fiera di Lucca Comics and Games, mi piacerebbe. 


Purtroppo, tanta libertà ha generato anche molti problemi. Ricordo dirette in cui vendevano droga e armi (dagli USA più che altro). E sesso, quello i primi tempi era due dirette sue tre. 

Gli insulti volavano senza freno, oggi invece c'è una sorta di controllo reciproco tra utenti. Parole chiave fanno scattare degli avvisi e compare un avviso in inglese simile a questo: "tizio sta usando un linguaggio inappropriato, secondo te?" 
Secondo voi, se c'è la ragazzina di turno che mostra le "sue cose" gli utenti diranno sì o no?
Bravi. Dicono tutti no, così continua.
Ridicoli! 
Alla fine, serve solo per bloccare gli insulti, ma meglio che niente. 

Dove sorge il pericolo però?
Come accennavo all'inizio, per lanciare la diretta è necessario avere il localizzatore attivo.
Quindi sei più che rintracciabile. E allora mi domando: ma quelle ragazze che "ingenuamente" lanciano dirette sexy, non pensano che qualcuno potrebbe bussare alla porta spinto dal filmato?
Si vede di no, a quanto pare.

E quelli che vendevano armi e droga? Non temono una denuncia? La polizia?
Possibile che siamo arrivati al punto del degenero assoluto in cui tutti fanno quel che vogliono e nessuno pone un freno all'illegalità? 

Forse si è perso il senso di cos'è legale e anche di cos'è il senso comune del giusto.
È giusto filmare un'amica mentre viene stuprata nei bagni di una discoteca e mettere il video on line? Che razza di "amiche" sono quelle che ti procurano un simile trauma? 

La società cambia e ben venga la tecnologia che aiuta l'uomo nella sua evoluzione
Io temo però di stare assistendo a una involuzione!

Appena finisce la serie in Italia, faccio la recensione :)
In un'epoca in cui i robot mostrano di avere un'anima/coscienza a differenza degli (in)umani che sempre più si allontanano dal normale e atavico senso del giusto, non è più una serie televisiva come Westworld, ma è la realtà e Periscope la mostra senza censure. 
Mostra la società e l'uomo per quel che è.

Noia, vuotezza di contenuti, bassezza e perversione.
Voglia di protagonismo a tutti i costi anche cadendo nel ridicolo.
Dire per forza qualcosa (al mondo), quando il silenzio sarebbe meglio.

Tutti oggi hanno un'opinione, e comincio a pensare che non sia un bene. 
L'opinione si forma con del costrutto alle spalle, con l'esperienza, con l'istruzione, con la formazione sul campo e nel tempo. Se i tuoi metri di paragone sono i pochi anni che ti separano dalla pubertà e si fermano al 2000 (perché prima nemmeno eri nato), pensi davvero di poter avere un'opinione sensata senza prima esserti documentato sul passato?

Oggi su Periscope c'era in primo piano un ragazzino in California che faceva il giveaway di $100 😐
Ora, a prescindere dalla tristezza infinita con cui si tenta di coinvolgere dei rimbambiti (le banconote sono false), ma possibile che nessuno possa fare niente? I genitori di questi (minorenni) che fanno? 
Forse le madri fanno i filmatini sexy in cucina, e i padri mandano cuoricini alle ragazzine. 😀

A quanto pare, la genialità di Periscope emerge raramente. Ma almeno ho la speranza che il bivio esista ancora e si possa scegliere la strada giusta. 

Quando Star Wars aveva un senso...
Luke: Il Lato Oscuro è più forte?
Yoda: No! No! No... più rapido... più facile... più seducente...
Luke: Ma come distinguo quello cattivo dal buono?
Yoda: Lo imparerai! Quando sei calmo, in pace! Passivo... un Jedi usa la Forza per saggezza e difesa, mai per attaccare!


CONSIGLI FINALI: Se usi Periscope solo per guardare, non ho particolari avvisi. L'utilizzo è davvero intuitivo e semplice. Divertente e soprattutto potrai parlare con persone che potrebbero sorprenderti davvero (in senso positivo). 
Se usi Periscope per fare le dirette, posso solo dirti che sei facilmente individuabile. Poi, quel che fai, quel che dici e quel che "pubblichi" ricorda sempre che è "fotografabile". Niente di quello che metti in rete si cancella. Sappilo, quindi gestisci i tuoi contenuti con responsabilità. 

ULTIMA NOTA: Consiglio una rete stabile, a pieno campo o un wi-fi perché pesa molto la diretta, ma anche solo se guardi ti porta via molta memoria. Questo sul cellulare. 

Spero che questa mia prima recensione su un'app. vi sia utile. Ne farò altre e scusatemi se sono forse poco tecnica, ma io riporto quel che so dall'esperienza sul campo. Ben vengano quindi i vostri pareri e consigli. 



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...