29 aprile 2017

[ebook free] Dottor Jack/Le figlie dell'Arca - steampunk horror scifi (segnalazionex2)

cover Dottor Jack
Segnalazione: ho pubblicato negli ebook GRATIS il mio racconto "Dottor Jack" sperando di farlo conoscere a tutti coloro che non l'avevano letto anni fa. E' la mia personale genesi del mito di Jack, il saltatore o Spring-heeled Jack, personaggio della Londra vittoriana.
Lo trovate anche nell'antologia "Trekkie of Mars 1- Literary Abduction" è uno dei racconti che Carlo legge all'amico Renzo.

Incipit
Jack afferrò la borsa medica che aveva in terra, vicino alla gamba. Mosse un passo.
La donna passò il braccio sulla fronte. Si alzò rasentando la parete. Pochi respiri e si avviò trascinando i piedi. Girò l’angolo senza voltarsi.
Jack si precipitò sul piccolo. Era un prematuro, sulla schiena c’erano delle chiazze scure. Le braccia erano minute e una più corta dell’altra. Toccò col dito il cuore sentendo delle leggere pulsazioni. Era vivo, ma sifilitico; come supponeva, la donna era ammalata.
Aprì la borsa, estrasse un panno con i ferri chirurgici. Tagliò il cordone ombelicale liberandolo dalla sacca. Prese il barattolo di vetro contenente la formaldeide e lo depose dentro. Per un breve istante, il forte odore di acido coprì il puzzo del sangue misto liquido amniotico. Mise rapido il barattolo nella borsa e la chiuse.
Jack osservò il piccolo. Era condannato, ma lasciarlo a quel modo gli sembrò disumano. Stava per avvolgere il corpicino in un panno, quando fu scaraventato a terra. Si ritrovò la donna a cavalcioni, mentre lo schiaffeggiava mostrando i denti marci.
Jack tentò di allontanarla. Le afferrò le mani, ma la donna lo morse al braccio. Gridò un istante per poi mollarle un pugno in faccia. La donna cadde all’indietro.
Osservò l’avambraccio, mancava una parte della pelle laddove c’era la ferita che grondava sangue.
La donna si copriva il volto con le mani. Poi, lo fissò con gli occhi sgranati, gli si lanciò addosso con le braccia tese gridando come una pazza invasata.
Jack la colpì allo stomaco. La donna indietreggiò, scivolò sul sangue e cadde malamente in terra. Picchiò la testa e svenne.
Jack cercò la borsa ansimando trovandola poi dove l’aveva lasciata. Il piccolo però non c’era più. Da sotto la schiena della donna emersero sottili rivoli di sangue che s’insinuarono tra le giunture dei sassi.
La morte per quell’innocente era giunta malsana come la nascita.
Jack si alzò, prese la borsa e si avviò a capo chino. Si strinse nel mantello nero e s’incamminò lungo il vicolo con lo strazio nell’anima: Dio non si cura di Black Hole Street.
Percorse le vie deserte e infangate sentendo quanto fosse moralmente pesante la borsa e al contempo quanto fosse a senso unico la sua strada; senza sbocchi, senza bivi, Jack poteva solo andare avanti zoppicante con i suoi fardelli. 

Nota: c'era stato molto studio, anche se non sembra, ma è un personaggio leggendario al pari del più "commerciale" Jack lo squartatore. In realtà, Jack il saltatore, o l'uomo diavolo, sono coesistiti oppure erano la stessa figura. Chissà. Rimane il fatto che ho inserito e riportato cenni storici così come il titolo che cita il ragazzo dei giornali. Spero vi piaccia.


25 aprile 2017

[Incontro #TempodiLibri ] Speciale su #Dune di Frank #Herbert con Edoardo Nesi e Vanni Santoni



Diciamocelo, le Fiere del Libro sono speciali anche perché creano eventi/incontri come questo di domenica 23 aprile 2017 tenutosi nella Sala Bodoni  con Edoardo Nesi e Vanni Santoni inerente il mitico Ciclo di Dune😀, l'immenso capolavoro di Frank Herbert che come tutti gli Immortali rimane e si batte per restare in testa al genere, a dispetto dell'era che cambia e delle mode passeggere.

È stato bello vedere che c'era un pubblico trasversale, diverse età e anche femminile, mi ha fatto molto piacere. Incontro ben gestito che ha incuriosito chi non conosce questa straordinaria saga e ha reso nostalgica me, che s'è rivista a scuola quando dicevi che stavi leggendo Dune (pronunciandolo "diun") e tutti pensavano che era qualcosa di strano. Allora lo ripetevi com'era scritto, ovvero "dune" e credevano a qualche romanzo d'avventura nel deserto... e non potevi che sospirare, far finta di nulla e tornare al tuo libro. 

NOTA: Non mi stancherò mai di dirlo, si pronuncia "diun" e non "dune"... 😒

22 aprile 2017

[Incontro #TempodiLibri ] L’era dell’editing del genoma #CRISPR (E l'uomo creò l'uomo, di Meldolesi)




Ho avuto il piacere di partecipare all'incontro del 21 aprile presso la Sala Helvetica della Fiera del Libro in Milano, #TempodiLibri è il nome (e l'#) della manifestazione in corso.



Gli ospiti nell'ordine:
Anna Meldolesi, Giulio Giorello e Pier Giuseppe Pelicci

I libri:
1- Meldolesi, E l’uomo creò l’uomo (Bollati Boringhieri)
2- Giorello, E. Boncinelli, Noi che abbiamo l’animo libero (Longanesi)

10 aprile 2017

[anime-manga] Fatine e Fiori 10 - Lulù l'angelo tra i fiori (花の子ルンルン Hana no Ko Runrun)

Sembra solo ieri, eppure era il 6 febbraio quando è iniziato l'appuntamento del lunedì con le FATINE DEI FIORI che comparivano in Lulù, l'Angelo dei Fiori. (花の子ルンルン Hana no Ko Runrun).
Oggi si conclude quindi un ciclo di post colorati e "virtualmente profumati" che spero vi sia piaciuto.
Ovviamente dopo le fatine, troverete anche la conclusione dell'anime ^^

Ecco il link per la puntata precedente QUI!
Ed ora le puntate finali dalla 46 alla 50. Le fatine però sono solo quattro!

Che bella l'Italia!
San Remo in Liguria
In gondola a Venezia ^^
Senta, le spiace se intanto presento le ultime fatine?

SALVIA SPLENDIS: famiglia meravigliosa
CAMPANULE CINESI: amore eterno
RANUNCOLO PERSIANO: ricchezza
Fiore extra della puntata 48: IPPOCASTANO - lusso

3 aprile 2017

[anime-manga] Fatine e Fiori 9 - Lulù l'angelo tra i fiori (花の子ルンルン Hana no Ko Runrun)

CIAO a TUTTI!
Eccovi altre FATINE DEI FIORI che comparivano in Lulù, l'Angelo dei Fiori. (花の子ルンルン Hana no Ko Runrun) ... una fatina per ogni giorno della settimana lavorativa ^^
Per le precedenti QUI!

A seguire molto altro oltre alle Fatine dall'episodio 41 al 45! Oggi puntata ricca ^^

Eccole!
PETUNIA: il mio cuore si placa quando penso a te
ELIOTROPIO (vaniglia): dedizione
ANEMONE BIANCO: sincerità
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...