7 luglio 2017

[film] Spider-Man: Homecoming (no spoiler!)


Spider-Man: homecoming è arrivato.
Prima del mio parere senza spoiler, è giusta una premessa. Da dove parte questo nuovo film e, soprattutto, che target vuole andare a prendere?

Punto primo: il film si riaggancia a "Capt(ei)n America: Civil War" 😁 quando in una scena cruciale il nostro giovanissimo amico arriva e ruba lo scudo al Cap. Era stato reclutato da Iron Man, Tony Stark, che di fatto gli fa avere il costume di questa immagine.


Punto secondo: il nuovo Peter Parker ha 14/15 anni e quindi è ovvio che si propone per un pubblico di ragazzi coetanei oppure, vedete la sottoscritta, i fan che non si perdono un film Marvel nemmeno a morire. 

Ecco quindi che le mie aspettative erano senza preconcetti. Non mi aspettavo un film "epico", ma nemmeno un film a basso costo. Di fatti, Spider-Man: homecoming mi è piaciuto molto e ora vado a motivare il mio parere.
Come accennavo, la storia parte da Civil war e quindi non abbiamo un film come i precedenti, la nascita dei suoi poteri, ma un seguito divertente e davvero ben gestito. Certo, visto il target, non abbiamo sangue e morti per mano di Peter (ma c'è una scena importante che lascia sbalorditi!) e il ritmo è dinamico e senza le scene "romantiche" che personalmente penso abbiano rallentato i precedenti film. Non tanto quelli con Gardfield, quanto quelli con Maguire. Quando arrivava lei, era un precipitare della trama, della suspense e perfino del personaggio. 😒


Non è un segreto,  a mio avviso Gardfield ci stava benissimo, ma le figure femminili erano tremende. Per fortuna, in questa nuova versione è tutto rivoluzionato.

Le ragazze qui sono giovani e grintose. Non attendono di essere salvate, come nei precedenti, hanno interessi sociali e costruttivi ben lontani dallo stereotipo della tipa fan dei selfie! E per fortuna.
Soprattutto il personaggio di Michelle, interpretato da Zendaya
Una ragazza acqua e sapone che si attiva in modi diversi e in molte scene del film tanto da incuriosire lo spettatore e lasciare il segno con poche battute. 


E veniamo a lui, al nostro Peter; cosa posso dire se non che è fantastico!
Tom Holland è veritiero, divertente e rappresenta benissimo la metafora del ragazzo che diventa uomo attraverso il costume di Spider-Man. Mi spiego meglio. 
Nei precedenti c'era il concetto di responsabilità. Peter aveva una grande responsabilità dovuta suo malgrado ai poteri e impara questa lezione a caro prezzo; la perdita dello zio.
Qui invece c'è una ricerca dell'equilibrio che Peter deve trovare tra la scuola, la vita privata (amici e prima ragazza, feste e salvare le persone e voglia di partecipare a qualcosa di grande grazie a Tony Stark...) e il suo essere Spider-Man. 
Vediamo Peter esaltato all'idea di proteggere gli abitanti del quartiere, ma con la naturale energia dell'adolescenza che lo sprona a andare oltre, nel nostro caso a stalkerare Tony per avere dei "lavoretti da super eroe"... divertentissimo! 😁
E c'è una bellissima scena finale, la scelta di Peter... non vi dico altro, ma è un bel messaggio, sopratutto per i giovani suoi coetanei.


Non manca un villain d'eccezione: Michael Keaton: Adrian Toomes / Avvoltoio.
Si vede che ultimamente a Keaton piacciono i personaggi con le ali o gli uccelli. Ricordate il magnifico film "Birdman"? 

Ebbene, anche se con delle differenze, siamo vicini. A un'analisi superficiale, i due personaggi potrebbero sembrare una fotocopia, ma non è così: diverse motivazioni e background fanno di Birdman e Avvoltoio due identità distinte. E il talento di Keaton è così immenso che il suo personaggio ha una vita propria, non tanto quando indossa la maschera, ma quando arriva la scena cruciale e vi assicuro che resterete a bocca aperta!

Non mancano i colpi di scena, questo è certo. 
Non mancano le risate e soprattutto ci sono battaglie con effetti speciali di incredibile qualità!

Spider-Man: homecoming è un film per ragazzi, ma che si gode anche da adulti, ovviamente tenendo presente che state guardando un film per loro, con tematiche adolescenziali e dal tenore allegro e scolastico.

In ultimo: Tony Stark!
Lui è sempre il mio favorito (in concorrenza a Batman/Bruce Wayne). Un giorno mi deciderò, ma per ora me li tengo sul podio entrambi. Tornando a noi, Tony è un perfetto Mentore per Peter. Le sue apparizioni sono delle perle all'interno di un film pieno di azione e senza cali. 


CONCLUSIONI: Andate a vederlo e non resterete delusi. Ricordate che è per ragazzi, ma è Spider-Man e come tale non deluderà i fan. Non è perfetto, questo no.
Ma siamo in luglio e secondo me è invece perfetto per una serata pizza e cinema. 
Ora, ATTENZIONE ALLE SCENE FINALI, SONO 2!!!
La prima dopo i titoli di coda "dinamici" diciamo. Riguarda Avvoltoio (e non dico altro). La seconda è proprio alla fine... dopo tutto... quando sarete stremati... 
Però, attenzione ancora. E' ironica e come tale va presa, ma qualcuno potrebbe restarci male e innervosirsi. Prestate attenzione alle parole del personaggio, però, e vi renderete conto che è una burla. Sentitevi liberi di ridere o no. 😁

Su Stan Lee: c'è! Sia durante il film, che nei titoli di coda. 
Bene. Spero di avervi incuriosito e spero che andrete a vederlo.
Ripeto, a me è piaciuto. 

Nota finale: ho visto il trailer di "Thor: Ragnarok" ve lo rigiro... 😍

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...