16 febbraio 2018

[libri - comunicato stampa #TDL18] Tempo di libri - la fiera internazionale del libro di Milano, presentazione del programma


Il 14 febbraio 2018 alle ore 11.30 c'è stata la presentazione del programma della seconda edizione di Tempo di Libri presso Fiera Milano City, Sala Brown, Gate 3. 

Principali cambiamenti:
-La location sarà presso la struttura Fiera Milano City, quindi M1Lotto o M5Portello, padiglioni 3 e 4 (maggiori info QUI!)
-Date, dal 8 al 12 marzo, ma con uno speciale "incipit" il 7 marzo (le specifiche nel testo)
-Ingresso a pagamento, ma dopo le ore 17.00 sarà gratuito e la fiera chiuderà alle ore 22.00

Alla presentazione erano presenti Fabrizio Curci, Amministratore delegato Fiera di Milano, Andrea Kerbaker, Direttore Tempo di Libri, Ricardo Franco Levi, Presidente Associazione Italia Editori, Roberto Maroni, Presidente Regione Lombardia, Paola Passarelli, Direttore Generale Biblioteche e Istituti Culturali MIBACT, e Giuseppe Sala, Sindaco Comune di Milano. 
Tutti gli Ospiti citati - Foto di Fabrizio Villa
La sala era gremita e gli ospiti sono stati molto esaustivi, motivo per cui vi riporto il Comunicato Stampa con tutti i dettagli delle 5 giornate di Tempo di Libri 2018 che si presenta carico e denso di feste, eventi, personalità e non solo di libri in senso stretto. Ma una vera e propria festa del libro.
Questa è mia, ero nelle "retrovie" 😁
Preparatevi perchè ... 

Racconti tra cui perdersi, personaggi dai quali farsi condurre, suggestioni su cui riflettere e un’idea forte di cultura divertente e festosa: Tempo di Libri torna a Milano spostando il luogo (fieramilanocity, nel cuore della città, con i 35 mila metri quadrati dei padiglioni 3 e 4), le date (da giovedì 8 a lunedì 12 marzo), allungando gli orari, estesi in modo da coprire anche la fascia serale, e con un nuovo direttore, Andrea Kerbaker. Organizzata da La Fabbrica del Libro (società costituita da AIE – Associazione Italiana Editori e Fiera Milano, rappresentati rispettivamente da Ricardo Franco Levi e Solly Cohen) nell’ambito di Milano Città creativa Unesco per la Letteratura, la Fiera Internazionale dell’Editoria aprirà le porte guidando i suoi visitatori attraverso cinque sentieri tematici, uno per ogni giornata: 
  • Donne (giovedì 8 marzo) 
  • Ribellione (venerdì 9) 
  • Milano (sabato 10) 
  • Libri e immagine (domenica 11) 
  • Mondo digitale (lunedì 12)

6 febbraio 2018

[Quando manca il caffè] Amazon e il kata del lavoratore



Non so se avete saputo che i dipendenti di Amazon si apprestano a un pionieristico approccio sul mondo del lavoro. In pratica, come spiega QUI! le persone indosseranno dei braccialetti e anche delle cavigliere (a seconda dei casi) per meglio indirizzarli verso i pacchi. Per comprendere i ritmi, insomma. Per non perdere quei secondi fondamentali per cui si arriva a 200 pacchi al giorno come dice questo dipendente.

Amici, ci siamo.
E' arrivato il "Kata" per il lavoratore. Non so se vi ricordate il magnifico film "Equilibrium" da cui ho riportato alcune immagini, ma la foto con i numeri non è del film, è reale.
Amazon Illustration via USPTO 

4 febbraio 2018

[Quando manca il caffè] I nuovi lettori; stiamo perdendo generi letterari?

Avviso importante prima di iniziare a leggere: NON E' UN POST DONNE CONTRO UOMINI O GENERE ROSA CONTRO FANTASCIENZA. Che sia chiaro fin dall'inizio! Perciò, abbassate le armi e fate un respiro profondo. 😂
Rilassatevi... la mia vuole essere un'analisi della società e di alcuni generi letterali.
Buona lettura.


A prescindere da Amazon, vi capita ancora di andare in libreria? 😁
Spero di sì. Io non ho rinunciato al cartaceo e compro entrambi. Certo, sono per l'80% ebook.
I motivi sono essenzialmente lo spazio e il costo. 
Comunque, l'ultima volta che sono stata alla Feltrinelli in Milano non solo ho notato che c'è sempre meno spazio e titoli per il settore della mia amata fantascienza (i titoli sono sempre quelli ...) ma pur di vendere qualcosa, li mettono nelle offerte o tra quelli scontati o addirittura li mimetizzano con altri generi sperando forse in un lettore distratto. 
Ho visto con i miei occhi Lolita di Vladimir Vladimirovič Nabokov vicino a Fahrenheit 451 di Ray Bradbury. Ora, ho letto entrambi, quindi non voglio criticare Lolita, anche perchè l'ho apprezzato molto, ma mi chiedo se davvero abbia un senso tutta questa confusione. 


Qui non stiamo parlando di stesso genere e vince il romanzo meglio promosso, qui stiamo assistendo all'agonia della fantascienza vera e propria. 
In libreria è più facile notarla. Gli scaffali svaniscono o diventano sempre più piccoli.
Negli store come Amazon è più complicato, ma basta controllare la top 100 e noterete da soli che un romanzo di genere rosa stagna per settimane e comunque mezza classifica è per loro. Ma dove sono i romanzi di fantascienza? Non entrano se non quando ci sono promozioni a 0,99 o i film al cinema, ma anche in questo caso restano un paio di giorni e poi tornano nel limbo.

La fantascienza vende ancora?
E' questo che mi chiedo. 😒
Eppure al cinema i film della Marvel vanno alla grande. Sono sempre pieni. Chiarito questo, e anche che i videogiochi vendono bene, mi chiedo: l'agonia è solo letteraria?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...