22 settembre 2021

[film] DUNE di Villeneuve 2021 (No Spoiler) e confronto leggero con film di Lynch 1984

 


E' arrivato l'atteso e ennesimo tentativo di avvicinare i ragazzi di oggi ai grandi dei classici di un'epoca pre-internet, pre-smartphone, pre-instagram... pre-curiosità e neo-demenzialità.

Ecco quindi che Dune diventa a prova di demente.

La farò breve.

Questo nuovo Dune è talmente abbassato ai minimi livelli di comprensione che anche il mio gatto potrebbe capirlo. Facile, troppo facile, senza le voci dei pensieri, cita il Melange o Spezie (ma lo abbassa a una polvere allucinogena, stendo un velo pietoso, spiegare "il viaggiare senza muoversi" lo capiscono solo se paragonato a una droga, peccato che si spostino astronavi... quindi? Hanno drogato tutti e come la mettiamo con le astronavi appunto? Male, male, male.) senza la politica e i suoi intrighi (se non due frasi basiche tanto per dare un senso alle battaglie), personaggi piatti, alcuni mancanti per alleggerire la trama che cambia, mentre altri modificati perchè diciamolo la patata bollente di Dune è sempre stato il Barone Vladimir Harkonnen eh eh eh ... e non ci sono intoppi.

Che posso dire di Paul?


Un ragazzino che sa di essere il Prescelto, il Kwisatz Haderach (che nelle diverse lingue cambia nome ma quello è) e ridacchia dinanzi a una guerra santa... ??? 😲 bha. Ma stiamo scherzando? Ci Saranno milioni di morti e lui ride? Forse perchè il pensiero di cavalcare il verme (che non vedrete in questo) lo diverte.

Poi, per carità, è ben girato, gli effetti speciali sono buoni, i panorami ci stanno. Le macchine non tutte.

Ecco, anche sulle tute dei Fremen devo dire che sono orrende, potevano fare di meglio così come i costumi che sembrano presi dai magazzini del film di Lynch del 1984 e spolverati e indossati. Oppure li hanno trovati usati in qualche app. 😒


E che dire dello spirito con cui è stato fatto?

Se facciamo i soldi, allora facciamo il seguito? Ma anche qui, che stiamo scherzando? Da quando un regista serio fa un ragionamento di questo tipo? E disturbi "Dune"?

Infatti, il film non finisce. C'è un allungamento di un'ora a mio avviso inutile di battaglie, per arrivare a due ore e oltre per portare il giovane Paul a farsi un selfie su Arrakis. Eh, mi spiace, ma lo vedo che si fa il selfie con il verme di spalle ... non ha spessore, non ha capito cosa vuol dire essere il nuovo Messia di questo popolo, i Fremen appunto. 

Non c'è una colonna sonora, non c'è "epicità".

Cmq, siccome non sono qui a demolirlo, posso dirvi che si fa vedere e si capisce non bene, benissimo, anche per la pochezza della trama resa all'osso. 

Quindi vedetelo pure, vi piacerà. 

E quelli che come me hanno avuto la fortuna di vedere il film di Lynch, dovranno accontentarsi di un alleggerimento perchè da opera per adulti è divenuta un film per ragazzini.

Mettiamoci il cuore in pace e consoliamoci con i sempre vivi romanzi di Herbert e il film del 1984, che consiglio di vedere subito dopo così capirete la differenza di spessore. 

Alcune immagini del film del 1984 e quello di oggi

Chani e Paul 



Le tute dei Fremen (Paul e la "Strega" Bene Gesserit, Jessica, sua madre)



Il Barone Vladimir Harkonnen (serio e senza accenni alla sua sessualità e senza mostrare la sua crudeltà, in quello nuovo. Mentre crudele mostrato e con un accenno alla sua sessualità in quello di Lynch.) Ora non sta a me giudicare se sia giusto o sbagliato modificare un personaggio perchè cambiano i tempi e il mondo si sensibilizza e non accetta più certe figure "malvagie", devo dire che il nuovo Barone mi piace, ma non è il Barone autentico. Tutto qui. 

Herbert sarebbe contento? Lui capirebbe? Se vi cambiassero un vostro personaggio, voi lo accettereste?

Basta essere coerenti. Allora perchè non mettere le pustole al Duca Leto il Giusto? Tanto sono solo pustole, no? Perchè non fare gobbo Paul o grassa Chani? Se dobbiamo cambiare e abbattere le barriere perchè non farlo anche con le altre? Perchè scegliere le barriere da abbattere? Che ci sia discriminazione tra le stesse barriere? 

A voi la risposta. Io pongo solo domande.






Detto questo e fatte due piccole considerazioni, vi consiglio di andare a vedere il nuovo Dune, poi però guardate anche quello di Lynch. In attesa che esca il seguito, vi invito a provare a dare una lettura al primo ciclo di Dune. Provate.
IL ciclo è di 5 romanzi, vi metto i primi 3 che a mio avviso tanto Villeneuve non arriva nemmeno al terzo, si ferma al 2. Se invece siete interessati e vi piacciono, meglio.

  
 

Ultima nota: io lo dico da anni e mi sono stufata, cmq lo ridico per ultima volta...

DUNE non è Fantascienza è Fantasy Future 
proprio come Star Wars! 

Chissà se qualcuno un giorno capirà la differenza? E non venitemi a dire che nel '65 il romanzo ha vinto il Nebula ecc. Signori, le etichette si evolvono e come negli anni '90 sono nati molti sottogeneri come il Cyberpunk, Steampunk ecc... ebbene fate le vostre conclusioni. 

La Fantascienza vuole veridicità e plausibilità. Dune, per tanti motivi, anche struttura di trama, è Fantasy Future. Chiudo con un'intervista fatta alla Fiera del Libro ripresa dal mio canale YT, spero vi piaccia. A presto.


Nessun commento:

Posta un commento